Raggiungere la massa critica con le cooperative - parte 3

In un paese dopo l'altro si stanno lanciando cooperative di editori per raggiungere la massa critica in una regione vicina.

Raggiungere la massa critica con le cooperative - parte 3

Più recentemente, dopo La Place, DUN e CPEx, abbiamo assistito al lancio di Premium Publisher Network (PPN), che riunisce sette dei più grandi editori greci e rappresenta circa 1,8 miliardi di impression al mese. Il lancio di PPN segue quello di Gold 5, coalizione di Manzoni, Banzai, ItaliaOnline, Mediamond ed RCS in Italia.  Infine, Pangaea Alliance, che riunisce sotto la stessa insegna The Guardian, CNN, FT, Reuters e The Economist come prima alleanza di venditori con un obiettivo realmente globale. Segno precoce del tipo di impatto che ciò potrebbe comportare, quest’ultimo capitolo dell’evoluzione della cooperativa ha già annunciato la sua prima campagna programmatica di branding per American Airlines.

Poiché Pangaea, così come l’intero fenomeno mondiale delle cooperative, ha raggiunto la massa critica, Tim Gentry, Revenue Director di The Guardian, riassume in poche parole con estrema chiarezza la sua ragion d’essere: “Rispondere alla richiesta di pubblicità programmatica di qualità su vasta scala da parte del settore.

Qualunque sia la lingua, non è tanto una questione di liberté, egalité, fraternité, quanto piuttosto di maggiore praticità e fondamentali dell’economia di mercato.

Di seguito una infografica che riassume alcune cifre legate al successo delle cooperative e a come stanno raggiungendo la massa critica: dal pioniere, La Place Media in Francia, alle due case study della Repubblica Ceca e della Danimarca.

infografica


A firma di: Sara Buluggiu Direttore Commerciale Sud Europa e Country Manager Italia, Rubicon Project
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni
MarketingRaggiungere la massa critica con le cooperative – parte 3