Domenica 14 Ottobre 2018
MarketingTre regole per rendere lo storytelling vincente

Tre regole per rendere lo storytelling vincente

Lo storytelling aziendale è uno strumento fondamentale per stabilire una connessione emotiva con i propri clienti. Basta rispettare tre semplici regole.


A firma di: Laura Olivazzi Contributor
Tre regole per rendere lo storytelling vincente

Gli esperti di Marketing raccontano storie sin da quando, in effetti, esiste il Marketing. Si servono di pubblicità, eventi, personaggi famosi ed altri metodi per garantirsi prospettive di vendita e memorabili brand experiences.

È necessario adoperarsi con qualcosa di più forte di una semplice strategia accattivante per accaparrarsi l’interesse degli attuali influencer. Le storie sono uno strumento potente per diffondere la storia della vostra azienda.

Avete sicuramente sentito la massima attribuita a Brian Eisenberg, “I fatti raccontano, ma le storie vendono”. Si sa, dall’esperienza personale, che questo dato di fatto è giusto, ma è probabile vacillare nella creazione di una storia come parte degli sforzi da applicare all’email marketing. Di seguito le regole base per rendere il vostro storytelling un’arma vincente.

Rendere le storie personali

Nel momento in cui ciascuna persona elabori la storia che racconti, questa crea una personale, sensoriale esperienza e influenza il suo modo di pensare. I concetti complessi diventano più facili da comprendere quando il lettore formula una connessione umana compresa nella storia.

Le persone s’identificano con i personaggi della tua storia. Se dipingi una vivida immagine mentale nel loro immaginario, è possibile renderli partecipi di una soddisfazione fisica, emotiva e spirituale.

Resistere al calo delle vendite

Gli acquirenti potenziali hanno particolarmente a cuore l’obiettivo di difendersi dalle nuove informazioni. Sono spaventati dal fatto che qualcuno possa trarre vantaggio da queste oppure impazzire per una decisione d’acquisto. Tendono a combattere ciascun messaggio di vendita a ogni passo del cammino.

Quando una storia è raccontata, la resistenza è minima. La storia non sta cercando di vendere qualcosa o portare il lettore a pensarla in un certo modo. La narrazione mostra semplicemente cosa sia accaduto ad un’altra persona e lascia creare un finale personale per ciascun lettore.

Invece di dire ciò che è vero, usa una tecnica offerta da Billy Wilder, regista di Hollywood, “Non dirgli 4. Digli 2+2. Faglieli addizionare, dopo li faranno propri”. Le storie portano I claim di vendita al di fuori del regno astratto verso qualcosa di più reale per il lettore. La prospettiva può vedere scene che l’occhio della mente sente come fortemente connesse dal punto di vista emotivo.

Essere veritieri e coerenti

Sviluppa una personalità nelle tue storie per trasportarla da un’email all’altra. Le storie non sono ne’ piazze di vendita ne’ pubblicità. La personalità del tuo protagonista è più efficiente quando si avvicina al tuo cliente ideale. Una storia inventata potrebbe essere più facilmente respinta.

Rendi la storia emozionante e pregna di personalità. Il lead di vendita è perfetto per stabilire una connessione emotiva come tecnica di vendita. Mantenere coerente il tuo personaggio nel corso del racconto, estende il legame emozionale come valore aggiunto.

Non esagerare con i risultati, gli aneddoti od obiettivi. Nulla potrà alienare la tua prospettiva più di quanto una storia inquinata con falsità e notizie poco veritiere.

Il successo dell’email Marketing, con le sue storie, è quello di seguire il consiglio di Chris Brogan, “Le storie ci insegnano il modo in cui imparare al meglio. Assorbiamo numeri, fatti e dettagli, ma li teniamo incollati insieme nelle nostre mani con le storie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Potrebbe interessarti

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.