Domenica 07 Marzo 2021
MacroambienteScansionare i piedi con un’app: alcuni tool utili per chi vuole acquistare o vendere scarpe online

Scansionare i piedi con un'app: alcuni tool utili per chi vuole acquistare o vendere scarpe online

Sono sempre più numerosi gli strumenti che permettono di scansionare i piedi con un'app per gli acquisti online, scegliendo le giuste misure.

Scansionare i piedi con un'app per gli acquisti online

Con l’arrivo della pandemia e le misure restrittive per il contenimento dei contagi il commercio elettronico ha registrato un notevole aumento nei diversi paesi. Questa spinta, favorita dall’emergenza sanitaria, ha portato diverse aziende a investire nello sviluppo di soluzioni digitali che rendano più semplice e soddisfacente il processo di scelta e di acquisto di alcune categorie di prodotto che tendono ancora a essere particolarmente legate alla prova prodotto in-store: è il caso dei prodotti per il make-up ma anche delle calzature. A questo proposito, specialmente nell’ultimo anno sono emerse diverse soluzioni volte a facilitare l’acquisto online di questi prodotti, permettendo ai consumatori per esempio di scansionare i piedi con un’app e sfruttando per far ciò delle tecnologie sempre più avanzate ed efficienti.

Scansionare i piedi con un’app: ecco alcune soluzioni e cosa consentono di fare

Anche se l’idea di scansionare i piedi con un’app è stata proposta da diverse aziende già a partire dal 2015, negli ultimi anni questa tecnologia è stata progressivamente migliorata, puntando a risolvere il “problema delle taglie” e a rendere più semplice l’acquisto online di calzature. La misura espressa in numeri offre soltanto un riferimento relativo alla lunghezza del piede, ma è evidente che il grado di vestibilità e di comodità di una scarpa dipende da diversi altri parametri che hanno a che fare con delle caratteristiche anatomiche specifiche. È proprio questa la ragione che sta portando diverse aziende e startup a investire in soluzioni che tengano conto di tutti questi aspetti per generare un’immagine il più accurata possibile dei piedi e aiutare così gli utenti a individuare i modelli adatti alle proprie esigenze.

Snapfeet

snapfeet scansionare i piedi con un'app

Fonte: Snapfeet

Tra i diversi esempi è possibile menzionare Snapfeet: si tratta di un’app, nata da un progetto italiano, che consente la scansione del piede e la ricostruzione della relativa immagine in 3D. Grazie all’intelligenza artificiale e alla realtà aumentata è possibile ottenere, in pochi secondi, la biometria dei piedi e quindi diversi dati utili per poter identificare la taglia più adatta a seconda del tipo di scarpa.

sito di Snapfeet l’azienda spiega che non serve che le foto vengano scattate «in particolari condizioni di luminosità o angolazione» e neanche che il «piede sia totalmente nudo». Mettendo a confronto la ricostruzione della morfologia del piede con i differenti modelli di scarpe presenti in un determinato database (che può essere quello di un negozio di scarpe), quest’app riesce anche a indicare il «grado di comfort raggiungibile nelle diverse zone del piede (punta, collo, tallone e pianta)», offrendo così delle indicazioni per esempio su delle aree troppo larghe o troppo aderenti.

DIS Foot Scan APP

Opera di una startup marchigiana di scarpe made in Italy su misura (chiamata Design Italian Shoes), DIS Foot Scan è un’applicazione che sfrutta l’intelligenza artificiale per aiutare gli utenti a trovare il prodotto ideale.

DIS scanerizzare i piedi con un'app

Fonte: DIS Foot Scan

Disponibile attualmente solo per iOS, l’app può essere utilizzata posizionando il piede su un foglio A4 e usando lo smartphone per scattare tre foto per ogni piede, in differenti posizioni. Grazie a due algoritmi diversi, l’app consente da un lato di realizzare la ricostruzione matematica del piede e dall’altro di stabilire una corrispondenza tra il tipo di piede e il modello di scarpa più adatto (tra quelli presenti sul sito di Design Italian Shoes), individuando la taglia giusta a seconda del modello.

verificare la taglia tramite la nostra app e una volta completato l’ordine i nostri artigiani iniziano subito a realizzare la scarpa grazie alla digitalizzazione di tutta la supply chain». In questo modo «la scarpa viene realizzata quindi solo dopo essere stata venduta».

xesto

Come nel caso di Snapfeet, anche l’app canadese Xesto ha il vantaggio di non richiedere supporti fisici per effettuare degli scatti (come fogli di carta, per esempio). Quest’app è disponibile per iOS e sfrutta la fotocamera TrueDepth degli iPhone per generare dei modelli 3D dei piedi e fornire dei consigli relativi alla taglia, con un alto grado di precisione rispetto ad altre app di questo tipo, stando a quanto riportato in un articolo di Tech Crunch.

Tra i vantaggi di questo strumento c’è una funzionalità che potrebbe rivelarsi utile per i consumatori che intendano regalare delle scarpe: l’app consente infatti agli utenti di inviare e di ricevere i modelli 3D dei piedi di altri utenti, potendo così stabilire con precisione la taglia e il modello più adatti per quella persona. Inoltre, è possibile salvare i differenti modelli con diversi profili (memorizzando così taglie di varie persone).

Come queste app possono essere utili per aziende e consumatori? alcuni esempi

Analizzando gli esempi e le funzionalità è possibile innanzitutto pensare ai principali vantaggi per i consumatori relativi all’utilizzo di queste tecnologie. Come accennato, la possibilità di scansionare i piedi con un’app permette agli utenti di individuare taglia e modello di scarpe più adatti, evitando di recarsi in negozio per provarle e riducendo la probabilità di eventuali resi (a beneficio anche delle aziende).

È possibile sostenere, poi, che soluzioni come quelle esaminate possono aprire a nuove possibilità di acquisto: una tipologia di prodotto, difficilmente acquistata per fare un regalo, potrebbe diventare invece il regalo perfetto. Inoltre, occorre menzionare la funzionalità di Xesto relativa alla condivisione delle taglie, pensata proprio a tale scopo. Come riportato nell’articolo di Tech Crunch, la co-fondatrice di Xesto, Sophie Howe, ha spiegato che questa funzione può essere utile per esempio per le famiglie, poiché consente di tenere un database con i profili dei differenti membri. L’app è completamente gratuita per i consumatori e continuerà a esserlo, poiché i progetti di monetizzazione dell’azienda per il futuro puntano a concludere delle partnership con i retailer che vogliano sfruttare il tool per offrire un servizio in più ai propri clienti, permettendo loro di scansionare i piedi con un’app e trovare la taglia e il modello giusti tra quelli a disposizione sul sito.

Non mancano, comunque, i player pronti a utilizzare queste tecnologie: si può pensare per esempio a Nike che, a maggio 2019, ha deciso di aiutare i clienti a trovare il modello di scarpe più comodo per il loro piedi, lanciando un’app ad hoc: si tratta di Nike Fit, «una soluzione di scansione che utilizza una combinazione proprietaria di visione artificiale, data science, machine learning, intelligenza artificiale e algoritmi di raccomandazione», come si può leggere sul sito.

È dunque facile dedurre come altri retailer possano trarre ugualmente beneficio da questo tipo di strumenti, sfruttando delle app già esistenti per migliorare la shopping experience online dei propri clienti. Infatti, Snapfeet, Xesto, DIS Foot Scan APP consentono ad aziende del settore di utilizzare i propri tool. A questo proposito, nel corso del 2020, in risposta alla crisi nel settore delle calzature, DIS ha deciso di proporre questo tool in modalità white label, consentendo a qualsiasi azienda di utilizzare l’app, personalizzandola con i propri contenuti e modelli. Simili soluzioni potrebbero così essere utilizzate da aziende di scarpe per vendere i propri prodotti online, ottimizzando il compito di assistenza al cliente nella selezione delle taglie.

Oltre ai vantaggi riportati, Snapfeet propone un ulteriore tipo di servizio: si chiama “Infinity Fitting” e permette di realizzare delle analisi di prodotto (o di prototipi) per verificarne la vestibilità e identificare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare prima ancora che il prodotto sia pronto. Questo servizio permette «di far calzare virtualmente modelli nuovi di pre-produzione a 20mila avatar [ossia modelli virtuali presenti sul database di Snapfeet, ndr] per individuare eventuali difetti e quindi applicare correzioni nel design»come si può leggere sul sito.

Un’indagine del settore ha rivelato che tre persone su cinque camminano normalmente con scarpe dalla taglia errata, dimostrando così quanto possa essere difficile individuare la taglia e il modello adatti alla conformazione dei propri piedi: proprio per questa ragione sembra evidente che sia clienti che aziende potrebbero trarre beneficio da questo tipo di tecnologia diventata recentemente sempre più avanzata e precisa, rendendo così questo compito più semplice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI