Mercoledi 15 Agosto 2018
MacroambienteSharing economy: forte crescita entro il 2025. L’Italia è pronta?

Sharing economy: forte crescita entro il 2025. L'Italia è pronta?

In Europa si stima che entro il 2025 la sharing economy sfiorerà i 570 miliardi di euro e solo in Italia potrà valere fino al 1,3% del PIL.


A firma di: Giovanna D'Urso Contributor
Sharing economy: forte crescita entro il 2025. L'Italia è pronta?

Condivisione, scambio, accesso a beni e servizi forniti da altri: ecco le parole chiave per capire il mercato della sharing economy o dell’economia collaborativa. Definire in maniera univoca la sharing economy è molto difficile poiché si tratta di un nuovo mercato caratterizzato dalla riorganizzazione della domanda e dell’offerta e in cui un ruolo chiave è giocato dalle persone. Uber, Airbnb o Blablacar sono solo alcuni dei più importanti player di questa economia che si regge su un modello peer” in cui i soggetti coinvolti i scambiano beni e servizi per un tempo limitato e sulla base di reciproche promesse. Oggi la sharing economy è diffusa nella maggior parte dei settori della nostra economia, in diversi casi proponendo modelli di business completamente nuovi.

Secondo uno studio di “PwC”, in Europa dal 2015 si è assistito a una forte diffusione delle imprese che operano nella sharing economy e, considerando i cinque principali settori – finanza collaborativa, alloggi tra privati, trasporti tra privati, servizi domestici a richiesta e servizi professionali a richiesta –, questo mercato vale 28 miliardi di euro. Una cifra destinata a sfiorare i 570 miliardi di euro entro il 2025. Si prevede, inoltre, che i ricavi maturati dalle piattaforme nei cinque settori chiave potrebbero raggiungere 83 miliardi di euro rispetto ai soli 4 miliardi di euro del 2017.

I veri protagonisti di questa crescita saranno le piattaforme di condivisione dei servizi di trasporto che rappresenteranno nel 2025 il 40% del mercato. I servizi di sharing trasportation sono forse l’esempio migliore per comprendere l’impatto di questi nuovi business sul mercato tradizionale: il car sharing, infatti, sta contribuendo a ridisegnare il volto del noleggio auto. Entro il 2025 è prevista, inoltre, la rapida diffusione ed espansione dei servizi on demand legati alla casa, i cui ricavi aumenteranno del 50%, sorpassando le piattaforme di home sharing.

Fonte: PwC.co.uk

La ricerca di PwC ha rilevato che nei principali stati europei (Svezia, Polonia, Italia, Belgio, Spagna, Germania, Olanda, Regno Unito, Francia) sono attive 275 società del mercato della sharing economy. Sia nel Regno Unito che in Francia si contano più di 50 società di questo settore, mentre sono più di 25 le imprese presenti in Germania, Spagna e nei Paesi Bassi. Meno di 25 società, invece, sono operanti in Svezia, Italia, Polonia e Belgio.

Questi dati possono essere letti alla luce dei diversi regimi normativi che, ad esempio in Francia e nel Regno Unito, favoriscono la diffusione dei nuovi modelli di business di questo mercato.

Fonte: Pwc.co.uk

LA SHARING ECONOMY IN ITALIA 

Nel panorama europeo l’Italia fa ancora fatica a trarre completo beneficio dalla sharing economy. Una ricerca commissionata da “PHD Italia” e condotta nel giugno 2016 dall’Università degli Studi di Pavia afferma che nel 2015 questo mercato ha generato un giro d’affari pari a 3,5 miliardi di euro e tra 10 anni potrebbe valere fino a 25 miliardi. È evidente, quindi, il ruolo ormai rilevante che ha l’economia della condivisione sugli stili di vita e i consumi degli italiani, ma allo stesso tempo è importante considerare i limiti esistenti che frenano una rapida diffusione di questi nuovi servizi. L’Italia è, infatti, tra i paesi europei con maggior ritardo nel processo di digitalizzazione dell’economia e della società. Un dato, questo, confermato dal Digital Economy and Society Index 2016 (Dise), indice sviluppato dalla Commissione Europea per misurare il grado di diffusione del digitale nei paesi Ue, che confina l’Italia alla 25esima posizione tra i 28 Paesi dell’Unione europea.

Nel nostro Paese sono soprattutto i Millennial ad utilizzare i servizi di sharing economy: i giovani che appartengono ad una fascia d’eta compresa tra i 18 e i 34 anni hanno, infatti, sviluppato una cultura della condivisione e dell’accesso ai beni e ai servizi più che al possesso di questi ultimi; inoltre, a causa della crisi e dei tanti cambiamenti sociali sono diventati più attenti al risparmio e alla convenienza. Per questo motivo tra i giovani servizi come quelli dell’home sharing o del car sharing trovano meno resistenza e si diffondono più facilmente. Le tecnologie e il digitale rendono più semplice ed economico trovare modi per condividere risorse, connettere persone, condividere oggetti o accedere a piattaforme di sharing già attive.

La sharing economy per crescere realmente e affermarsi come digital disruption necessita, però, di diffondersi tra tutte le fasce d’età. In Italia, infatti, il coinvolgimento degli over 34 nel target di riferimento della sharing economy porterebbe ad un mercato con valore tra lo 0,7% e l’1,3% del PIL nel 2025. Una proiezione ottimistica che sottolinea come l’innovazione e il digitale possano essere un volano per l’economia italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.