MarketingSocial Media Marketing Needs

Social Media Marketing Needs

La piramide dei bisogni di Maslow viene applicata al social media marketing al fine di spiegare quali sono le esigenze alla base di questi canali.

Social Media Marketing Needs

Quando ero ancora una studentessa ricordo di essere venuta a conoscenza di una teoria psicologica molto interessante: la piramide dei bisogni, delineata nel 1954 dallo psicologo Maslow che ha gerarchizzato le necessità umane. Alla base ci sono i bisogni primari, quelli fisiologici come respirare, mangiare o bere, una volta placati emergono quelli di sicurezza, fisica, morale o familiare per garantirci una tranquillità che freni le nostre paure. Soltanto una volta raggiunti i primi due step si manifestano i bisogni di appartenenza, quelli che ci fanno sentire parte di un gruppo o ci legano a qualcuno grazie ai sentimenti. Quando abbiamo raggiunto i precedenti avremo bisogno di stima, verso noi stessi e da parte degli altri, infine possiamo procedere verso la vetta dell’autorealizzazione, data dall’appagamento di tutti i bisogni sottostanti.

piramide-bisogni

La piramide dei bisogni di Maslow (Fonte: Risorse Umane HR)

Probabilmente vi starete chiedendo se avete sbagliato sito e siete capitati su psicologicamente.com o se siete ancora su Inside Marketing. Tranquilli non avete sbagliato! Qualche giorno fa mi è capitato di aver letto un articolo che applicava questa teoria al social media marketing e devo dire che mi ha piacevolmente colpito, al punto da volerla riprorre. Di rielaborazioni della piramide di Maslow negli anni ne sono state fatte tante, quest’ultima applicata ai bisogni di chi decide di avviare un’attività social è molto attuale e interessante e credo possa essere utile sia per orientarsi al principio che per verificare il proprio stato durante il percorso. Se volete raggiungere un obiettivo grazie al social media marketing seguite i 5 step che vedremo partendo dalla base.

scala bisogni social media marketing

La scala dei bisogni per il Social Media Marketing (Rielaborazione della redazione)

Social Presence

Come per la piramide di Maslow alla base troviamo i bisogni fisiologici, per il social media marketing quello di cui non si può fare a meno è la presenza. Sembra che ormai dover spiegare cosa siano e perché è importante usare i canali social non sia più necessario, bene o male tutti hanno capito che bisogna esserci, a non essere chiari spesso sono gli obiettivi e le strategie per cui li si usa, così assistiamo a pagine molto approssimative, confusionarie o lasciate abbandonate a se stesse. Finché si resta in questo gradino si sta sopravvivendo, ma se si desidera vivere a pieno ci vuole di più.

Engagement

Ecco qua ora ci siete, esistete, ma da soli non andrete lontano. Il plus lo fanno gli altri, in questo caso i fan/follow. Se nel secondo gradino della piramide maslowiana trovavamo il bisogno di sicurezza, nel social media marketing è importante essere sicuri che chi ci sta seguendo sia un utente attivo. Sondate il terreno finché non comincerete a ricevere dei feedback, che siano commenti, like, retweet o share. Cominciate a dire qualcosa che vi rappresenti e che faccia capire chi siete, ditelo con la vostra voce. Se nessuno se ne accorge dovete farlo sapere in giro, non importa come, spammate, spendete e spandete, ma comunicate la vostra presenza finché non avrete un coinvolgimento.

Content marketing

Per dare un senso alla propria presenza e non perdere il coinvolgimento ottenuto, in modo da procedere verso la cima della piramide, c’è bisogno di mantenere alta l’attenzione. Questo è possibile farlo in un solo modo e cioè con i contenuti. Nel social media marketing un buon content mix può seguire la regola del 80/20, con un 80% di contenuti curati, cioè materiali di seconda mano, come repost, news e simili, e il restante 20% di contenuti creati. Quanto più originali, freschi e brillanti saranno i vostri post quanto più darete linfa vitale ai canali. Il materiale, che sia una foto, un testo o un video, deve essere non solo di qualità, ma anche utile e in linea con i vostri obiettivi. Solo così potrete procedere al prossimo gradino.

Traffic & Conversions

Se siete arrivati fin qui siete già bravi e avete una vita social soddisfacente, ma adesso, come succedeva nella piramide, volete che vi sia riconosciuto il lavoro fatto. I canali social da soli restano una bella vetrina, le loro potenzialità del social media marketing emergono quando si lavora all’interno di un meccanismo più ampio, che miri ad aumentare traffico verso il sito web e soprattutto che generi conversioni, perchè ricordiamo che siamo sempre nell’ambito del marketing, l’obiettivo finale è sempre quello di vendere.

Strategic Integration

L’autorealizzazione per chi utilizza il social media marketing all’interno della propria startegia aziendale viene raggiunta quando tutti i canali, online e offline, collaborano in una macchina perfetta, dove tutto si muove in funzione dell’obiettivo fissato e le risorse sono quindi utilizzate al massimo delle loro potenzialità. La chiave di tutto è la comunicazione, sia interna, cioè tra i membri della squadra che lavora, sia esterna, ossia verso il pubblico a cui abbiamo scelto di parlare e che a sua volta ha scelto di ascoltarci.

 


A firma di: Stefania Zona Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi
Le vostre Opinioni