Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
Resta aggiornato:
Inside Marketing
MarketingTra i più popolari (e discussi) spot del 2021 c’è quello delle poste norvegesi in cui Babbo Natale è omosessuale

Tra i più popolari (e discussi) spot del 2021 c'è quello delle poste norvegesi in cui Babbo Natale è omosessuale

Spot Babbo Natale Gay delle poste norvegesi

Nello spot di Natale delle poste norvegesi Babbo Natale si innamora di un uomo di nome Harry: la storia d'amore ha fatto il giro del web e sembra riflettere un cambiamento sociale in atto nel Paese in questione.

Per segnalare il 50esimo anniversario della depenalizzazione dell’omosessualità in Norvegia, che cadrà nel 2022, Posten Norge ha scelto di creare una pubblicità dedicata a questa tematica. Lo spot con Babbo Natale gay delle poste norvegesi è stato ampiamente condiviso e commentato in Rete, con reazioni contrastanti in differenti paesi.

Se Babbo Natale fosse gay: la storia d’amore raccontata dalle poste norvegesi

«Nel 2022 in Norvegia saranno 50 anni che è possibile amare chi vogliamo»: con questa frase si conclude lo spot delle poste norvegesi per Natale 2021, in cui l’iconico personaggio dalla barba bianca si innamora mentre svolge le sue tradizionali attività di distribuzione dei regali nelle case. L’interesse nei confronti dell’altro protagonista dello spot, Harry, sembra essere corrisposto e i due finiscono per condividere dei bei momenti insieme, durante il periodo delle festività.

Babbo Natale sembra però avere delle difficoltà a conciliare gli impegni lavorativi con la propria vita privata e sociale e infatti promette di ritornare da Harry l’anno successivo, sempre durante la stagione natalizia. Nella pubblicità ideata dall’agenzia POL (Norwegian Advertising Agency) in effetti si vede Babbo Natale far ritorno al Polo Nord, rivedendo però il fidanzato soltanto una volta all’anno. Harry decide così di spedirgli una lettera per esprimere il suo desiderio, riprendendo la nota canzone natalizia di Mariah Carey “All I Want for Christmas is you“, per ricordare a Babbo Natale che il regalo migliore che potrebbe ricevere è la sua visita durante le festività.

Il lieto fine arriva grazie all’aiuto di Posten Norge: Babbo Natale si affida ai servizi postali delle poste norvegesi per la consegna dei regali, così da poter trascorrere più tempo con Harry, inserendo in questo modo perfettamente tale attività in maniera coerente nel contesto della narrazione, mettendone in evidenza l’efficienza anche in un periodo particolarmente complesso come quello natalizio (a causa dell’aumento del numero di spedizioni effettuate).

La scena finale mostra un bacio tra i due personaggi, seguita dall’inquadratura di un paesaggio natalizio in cui compare il logo di Posten Norge e un messaggio di auguri di buone feste.

In che modo lo spot riflette un cambiamento sociale e culturale in Norvegia?

Anche la compagnia aerea Air Canada ha proposto una storia d’amore nello spot di Natale 2021, così come Etsy tra i vari commercial ne ha proposto uno incentrato sull’omosessualità; tuttavia, a differenze di altri spot, la pubblicità lanciata da Posten Norge è presto diventata virale per la scelta di una versione alternativa e poco convenzionale di Babbo Natale: in effetti, il video (pubblicato il 22 novembre sul canale YouTube di Posten Norge) al 29 dicembre 2021 conta oltre 2 milioni di visualizzazioni.

Lo spot con Babbo Natale gay delle poste norvegesi rientra senz’altro tra i più popolari spot di Natale del 2021, essendo stato ampiamente diffuso e riproposto da testate giornalistiche di tutto il mondo e non solo, oltre che naturalmente molto commentato in Rete.

Le stesse poste norvegesi sono state colte di sorpresa davanti al notevole impatto mediatico della campagna: «ci aspettavamo sì una reazione ma non di questa portata», ha dichiarato Monica Solberg, direttore marketing di Posten Norge, alla rivista LGBTQ Nation[1]. A questo proposito, non sono mancate le critiche da parte di chi ha accusato l’azienda di sessualizzare il personaggio natalizio o di far intendere che Babbo Natale tradisse l’altrettanto leggendaria moglie [2], ma molti sono stati anche i commenti di apprezzamento lasciati dagli utenti sotto al post pubblicato sul profilo Instagram dell’azienda, in risposta al video.

Secondo un articolo pubblicato il 24 dicembre dalla BBC, la pubblicità di Posten Norge è stata accettata positivamente in Norvegia e nei paesi limitrofi, suscitando però reazioni meno positive in paesi diversi, come per esempio Italia[3] e Regno Unito in cui per molti individui il racconto in questione si è rivelato alquanto controverso. Un sondaggio condotto a dicembre 2021 da YouGov nel Regno Unito ha rivelato che una percentuale di cittadini (il 41% degli intervistati, su un totale di 1714 adulti nel Regno Unito) ritiene inaccettabile la scelta di presentare Babbo Natale come omosessuale[4].

Lo spot sembra invece rispecchiare un cambiamento sociale e culturale in atto in Norvegia, valutato diverse volte come uno dei paesi maggiormente favorevoli all’omosessualità dal Gay Travel Index, classifica pubblicata dalla Spartacus International Gay Guide. Questa tendenza si riflette anche nei valori abbracciati dal servizio postale norvegese, legati alla diversità e all’inclusione.

In merito alla scelta comunicativa dello spot di Natale Monica Solberg ha dichiarato: «Posten è un luogo di lavoro inclusivo e vorremmo celebrare il 50esimo anniversario con questa bella storia d’amore», proponendo una campagna pensata non solo per sottolineare la flessibilità dei servizi dell’azienda, ma anche per affrontare «tematiche che sono importanti per la società intorno a noi e per noi delle poste norvegesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2022 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI