Venerdi 20 Settembre 2019
MarketingLo spot di Dior con Johnny Depp accusato di razzismo: la campagna è stata rimossa dai social

Lo spot di Dior con Johnny Depp accusato di razzismo: la campagna è stata rimossa dai social

Rimosso dai social lo spot di Dior con Johnny Depp, dopo l'accusa di razzismo nei confronti della cultura nativa americana.


Raquel Baptista
A cura di: Raquel Baptista Autore
Lo spot di Dior con Johnny Depp accusato di razzismo: la campagna è stata rimossa dai social

«Un autentico viaggio nel profondo dell’anima nativa americana, in un territorio sacro, fondante e secolare»: ecco il testo del tweet che accompagnava lo spot di Dior con Johnny Depp, molto criticato e successivamente rimosso dai social network perché accusato di razzismo nei confronti della cultura nativa americana.

lo spot di Dior con Johnny Depp sotto accusa: È “offensivo” nei confronti della cultura nativa americana

Nel 1966 la rinomata casa di moda ha lanciato la fragranza maschile Sauvage” di cui Johnny Depp è diventato testimonial nel 2015.

Il lancio del nuovo profumo, a settembre 2019, ha generato però non poche polemiche: il nuovo spot Dior è stato ampiamente criticato in rete perché accusato di essere “razzista” e “offensivo” nei confronti della suddetta cultura.

Nello spot figurava Johnny Depp che suonava la chitarra nella zona di Red Rocks, nel deserto dello Utah, sotto lo sguardo attento dell’attrice Tanaya Beatty, mentre Canku One Star interpretava una danza di guerra tipica della cultura nativa americana. Il tentativo di rafforzare una product identity associata a uno stile di vita libero e di immersione o di fusione con la natura è stato interpretato come una banalizzazione e anche un’offesa alla cultura in questione.

Tweet pubblicato da Dior per la promozione del nuovo profumo Sauvage, successivamente cancellato dall'azienda.

Tweet pubblicato da Dior per la promozione del nuovo profumo Sauvage, successivamente rimosso dall’azienda.

La principale critica riguarda l’associazione della parola francese Sauvage“, che tradotto significa “selvaggio“, alla cultura nativa americana. Su Twitter, per esempio, un utente criticava il video, ricordando come la parola “selvaggio” sia stata usata per diverse generazioni «contro i nativi come un insulto e in maniera dispregiativa», come argomento per “giustificare massacri e persecuzioni da parte di una “cultura dominante”.

Per questa ragione, l’associazione di questa parola a questi popoli è stata ritenuta da molti utenti come fortemente offensiva, al punto da portare il brand a decidere di rimuovere lo spot e la campagna dai social network.

Un omaggio ai nativi americani o un altro caso di appropriazione culturale?

Quello che avrebbe dovuto essere un omaggio alla cultura di quella regione, è stato classificato come un altro “cattivo esempio” di appropriazione culturale, che ha previsto che elementi della cultura nativa americana venissero ripresi per cercare di rafforzare la storica associazione di questo profumo al concetto di “selvaggio“, “ribelle” e “libero“. Il ricorso all’immaginario nativo americano da parte della maison francese non è una novità, ma con l’uscita del nuovo video le critiche sono aumentate.

«Questo genere di metafore e di narrative sul popolo nativo presentato come “selvaggio” sono dannose» e «alimentano il razzismo», ha dichiarato Echo Hawk, CEO  del gruppo di controllo dei media IllumiNative, a The Guardian. La casa di moda è stata così accusata di rappresentare queste popolazioni in maniera non realistica e dispregiativa, facendole apparire, secondo i più severi, come “primitiva” o “arretrata“.

Nonostante abbia deciso di rimuovere i riferimenti alla campagnaWe are the land” sui social, l’azienda ha dichiarato, mediante un comunicato stampa , che lo spot era stato sviluppato in collaborazione con dei consulenti nativi americani e con l’organizzazione Americans for Indian Opportunity, proprio allo scopo di «allontanarsi dai cliché ed evitare forme di appropriazione culturale e sovversione che così spesso contaminano le rappresentazioni dei nativi».

Johnny Depp per promuovere “Sauvage”: scelte comunicative da rivedere?

Non è la prima volta che Christian Dior si ritrova ad affrontare delle critiche e dei commenti meno positivi per le scelte comunicative che riguardano il noto profumo. Già nel 2016 molti utenti avevano ironizzato sul “timing perfetto” della casa francese che, poco dopo le accuse di violenza domestica da parte dell’ex-moglie di Johnny Depp, aveva lanciato nuovi annunci promozionali di Sauvage (parola che può assumere il significato anche di “feroce“, “crudele” o “barbaro“), con le foto dell’attore e la frase «Wild at heart» (“Dal cuore selvaggio“). Alla luce delle denunce, le critiche a queste scelte pubblicitarie erano quasi inevitabili; tuttavia, la promozione del prodotto in questione è rimasta più o meno invariata da allora.

Dopo le più recenti polemiche Dior deciderà di rivalutare la propria scelta comunicativa per le prossime campagne? In base a quanto emerso dalle dichiarazioni dell’azienda, l’idea era quella e un tentativo era stato fatto. Secondo Adrienne Keene, la fondatrice del blog Native Appropriations, però, la recente collaborazione del brand con esperti nativi americani non è stata comunque sufficiente, dato che si tratterebbe in ogni caso di «una pubblicità per promuovere un’azienda notoriamente razzista e un prodotto chiamato “selvaggio”», come si legge su The Guardian.

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2019 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI