Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
MarketingLa magia (diversa) del Natale attraverso lo sguardo di Ferzan Özpetek nello spot per “UniCredit per l’Italia”

La magia (diversa) del Natale attraverso lo sguardo di Ferzan Özpetek nello spot per "UniCredit per l’Italia"

Lo spot natalizio di Ferzan Özpetek, realizzato per Unicredit, è un racconto malinconico, quadro dell'attuale realtà, che si conclude mostrando quasi in modo sognante un contesto di "normalità".

spot natalizio di Ferzan Özpetek Unicredit per l'Italia

Una lenta zoomata sul volto un po’ triste di un bambino che guarda fuori dalla finestra di casa, sulle note di una malinconica musica, apre lo spot natalizio di Ferzan Özpetek per UniCredit, on air dal 6 dicembre. Uno spot che, come accade con sempre maggiore frequenza in ambito pubblicitario, è una sorta di cortometraggio che racconta il brand quasi non mostrandolo, con una sintetica storia che prova più che altro a rappresentarne un contesto valoriale.

Gli elementi simbolici nello spot e nella comunicazione della banca

Lo spot si intitola “UniCredit per l’Italia” e rientra in un più vasto progetto comunicativo del gruppo bancario dedicato proprio agli italiani e al veicolare un messaggio di vicinanza, lo stesso che si è ritrovato nelle comunicazioni pubblicitarie di numerosi altri brand diffuse in tempo di coronavirus, da marzo 2020 in poi.

Nei contenuti di Unicredit, infatti, si ritrovano alcuni degli elementi simbolici ricorrenti in tante pubblicità italiane realizzate durante il lockdown ma anche in molte che sono state prodotte in seguito; solo per citarne alcuni: le bandiere con il tricolore appese ai balconi (come si nota in alcune delle immagini presenti sul sito) e il volto – e la voce – di chi lavora per l’azienda (per esempio nei video del progetto “Stories that matter” diffusi su LinkedIn).

È nello spot natalizio di Unicredit per il 2020, però, che è stato dato ancor più spazio ai simbolismi – alcuni dei quali tipici del periodo, appunto –, offrendo lo spunto per un’analisi che parte dallo sguardo sul mondo esterno di un bambino dietro al vetro di una finestra per arrivare alla citazione del nome del brand fatta soltanto in chiusura e unicamente in forma scritta.

LO spot natalizio di Ferzan Özpetek per UniCredit: la rappresentazione del periodo attuale e il messaggio di speranza

Lo spot è come una sorta di quadro del momento attuale, di un sentire che accomuna molti, compreso lo stesso regista Ferzan Özpetek, che in un’intervista rilasciata al brand a margine delle riprese ha sottolineato proprio questo aspetto: la «condivisione del silenzio, la condivisione dell’atmosfera» che ha provato a rappresentare proprio attraverso questo racconto audiovisivo.

In questo spot, firmato dall’autore di tanti successi cinematografici come “Le fate ignoranti” o “Saturno Contro” e dall’agenzia Twenty8 Studios, i veri protagonisti sono da un lato i sentimenti attuali di malinconia, dall’altro i sogni e la speranza di un ritorno alla “normalità”, intrisi della magia del Natale.

Quattro storie diverse di vita quotidiana di quattro diversi nuclei familiari si intrecciano e si collegano in qualche modo tra loro e lo si comprende bene soprattutto dalla versione di 180”, rispetto ai tagli da 90”, 45” e 30”, in cui inevitabilmente si perdono e si sacrificano alcuni dettagli.

UniCredit per l’Italia – Ferzan Özpetek - spot 180''
UniCredit per l’Italia – Ferzan Özpetek  - spot 180''

Dalla stradina buia e vuota, dove l’atmosfera natalizia è quasi inesistente, e dalle ambientazioni interne poco illuminate si passa pian piano a immagini con più luce, mentre la musica di sottofondo inizia a diventare anche meno malinconica e più gioiosa. Il momento in cui si nota questo passaggio è segnato in particolare dal dettaglio di un grande cuore su un biglietto di auguri, seguito da una ripresa in cui si nota anche un albero di Natale e un messaggio di speranza, riguardante la situazione economica, dato da una figlia ai propri genitori.

Il messaggio di speranza è quello su cui si basa tutto il racconto ed è messo in risalto da abbracci, sorrisi (ben visibili anche sui volti di chi indossa le mascherine) e altri piccoli particolari, ma soprattutto dal percorso della pallina rossa che sfugge dalle mani del bambino che sta addobbando l’albero in casa, scende una rampa di scale e arriva, integra, in strada. Un percorso che può essere letto anche come metafora del superare il difficile periodo che si sta vivendo per ritrovarsi in un contesto di socialità e convivialità nuovamente sereno, un desiderio o un sogno per il futuro ma anche una sorta di augurio. La pallina, infatti, dalla strada – quella stessa strada dello scorcio mostrato nelle prime riprese – viene raccolta da una giovane ragazza, che passeggia in una soleggiata giornata insieme a molte altre persone (compresi i protagonisti delle quattro storie), gioiose, senza mascherine, in un clima di festa.

Dov’è il brand nello spot di Ferzan Özpetek?

Il brand non compare mai nello spot natalizio di Ferzan Özpetek per UniCredit, compare soltanto in forma scritta, in un carattere semplice, bianco, senza logo , proprio in chiusura, insieme alla firma del regista.

La scritta compare dopo l’unica frase pronunciata da una voce off: «Chi ti sta accanto nei momenti difficili, renderà quelli sereni ancora più belli», che può esser letto come un richiamo al payoff del brand (”UniCredit, la banca per le cose che contano”) ma che, più probabilmente, cerca di conferire alla marca il ruolo di aiutante del cliente, che è in fondo il vero protagonista dello spot. L’obiettivo della campagna di “UniCredit per l’Italia”, che prevede pagine stampa sulle principali testate nazionali, pubblicazione di contenuti sui canali social LinkedIn e Twitter di UniCredit e lo spot, in fondo, è proprio quello di comunicare la vicinanza della banca ai propri clienti anche nei momenti difficili.

Insomma, la presenza del brand nello spot non è immediatamente leggibile, come non è chiaro che sia la sua voce a parlare ai consumatori, a meno di non operare uno sforzo analitico. In questa narrazione, però, il brand ha lasciato spazio al documentare quasi uno spaccato di vita attuale, mostrando inclusività e vicinanza e trovando, per questo, l’entusiasmo di Ferzan Özpetek che, nel corso dell’intervista rilasciata a Unicredit, ha affermato: «in un momento così, raccontare questa Italia [quella del periodo attuale] attraverso una banca mi piaceva come idea, mi piaceva questo intervento così nella vita di tutti, in un modo sottile».

Intervista al regista Ferzan Özpetek sulla campagna di comunicazione di UniCredit.
Intervista al regista Ferzan Özpetek sulla campagna di comunicazione di UniCredit.

E, alla fine, lo spot natalizio di Ferzan Özpetek per Unicredit diventa una condivisione di visioni e sentimenti dello stesso regista e una sua dichiarazione d’amore all’Italia, resa più esplicita dalle parole con cui ha condiviso il contenuto pubblicitario sul proprio canale Instagram.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

target =”_blank” rel=”noopener”>Un post condiviso da Ferzan Ozpetek (@ferzanozpetek)

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI