Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
Resta aggiornato:
Inside Marketing
MacroambienteStereotipi di genere in pubblicità: uomini e donne raccontati dai brand

Stereotipi di genere in pubblicità: uomini e donne raccontati dai brand

Gli stereotipi di genere in pubblicità sono ancora una realtà ben radicata. I brand hanno il potere e il dovere di combatterli.

Stereotipi di genere in pubblicità tra esempi e rimedi

Gli stereotipi tendono a creare delle aspettative e delle idee poco realistiche del mondo e delle persone, poiché propongono una visione troppo semplicistica, limitata e spesso totalmente diversa della realtà. Nonostante ciò, per molto tempo sono stati presenti nel mondo dell’advertising: nello specifico, gli stereotipi di genere in pubblicità sono stati ripresi nel corso degli anni da molti brand , ripresentandosi spesso in alcune campagne di marketing.

Stereotipi di genere in pubblicità: una questione storica (ancora da risolvere)

Annuncio pubblicitario del brand di abbigliamento Van Heusen.

Annuncio pubblicitario del brand di abbigliamento Van Heusen.

La presenza di stereotipi di genere in pubblicità è ancora oggi evidente, soprattutto perché riferimenti sessisti espliciti erano molto comuni e anche accettati fino a pochi anni fa.

Pubblicità del marchio di caffè Chase e Sanborn Coffee.

Pubblicità del marchio di caffè Chase e Sanborn Coffee.

Esistono, infatti, diversi annunci pubblicitari risalenti agli anni ’60 in cui la donna viene presentata come totalmente subordinata al potere del sesso maschile“, avendo come unici compiti restare a casa e badare alla famiglia. È il caso di pubblicità come quella del marchio di abbigliamento Van Heusen, in cui lo slogan invita il pubblico maschile a far sapere alle donne che «questo è un mondo da uomini», oppure quello del marchio di caffè Chase & Sanborn, in cui una donna che rappresenta una moglie viene “aggredita” dal marito per non essersi assicurata che il caffè fosse buono prima di acquistarlo.

In queste pubblicità viene fornita chiaramente un‘immagine distorta della donna, ma anche uno stereotipo relativo al modello di uomo, presentato in passato sempre come marito e padre con il dovere di mantenere la famiglia, anche poco presente e perciò non partecipe delle attività domestiche. Si tratta certamente, in questi due casi, di esempi abbastanza estremi che oggi verrebbero immediatamente censurati, cosa che però non sta a significare che la pubblicità attualmente sia priva di riferimenti sessisti e stereotipi non solo relativi al mondo femminile ma anche a quello maschile.

Immagine tratta dallo spot di Aptamil.

Immagine tratta dallo spot di Aptamil.

Non è totalmente scomparso infatti lo stereotipo della donna casalinga, dolce e servile, anche se è presente in misura minore rispetto al passato. Quando ci sono, però, vengono spesso criticati dal pubblico: si pensi a tal proposito alla campagna natalizia di PANDORA del 2017 che menzionava, tra i potenziali regali da fare ad una donna, il ferro da stiro o il grembiule. Altre pubblicità, invece, sottolineano l’incompetenza delle donne in determinati compiti, come lavori meccanici o di bricolage, attribuendo in maniera sessista a uomini o donne precise e specifiche professioni: si pensi, per esempio, allo spot di Aptamil, azienda che produce latte per l’infanzia, e al ritratto che fa delle bambine, che infatti giocano con le bambole e diventano ballerine, e dei bambini, che diventano ingegneri o astronauti.

Le donne sono ancora rappresentate in maniera poco egualitaria nel mondo pubblicitario, come ha rivelato una ricerca presentata al Festival di Cannes secondo cui dal 2006 al 2016 soltanto una donna su quattro è stata presentata come una professionista, cioè come una donna con un lavoro; inoltre, sempre dallo stesso studio emerge come individui di sesso femminile abbiano il 48% di probabilità in più di essere presentati in cucina.

In ogni caso, comunque, le rappresentazioni stereotipate non riguardano soltanto le donne. Infatti, secondo una ricerca condotta da Mintel, un quarto degli uomini non riuscirebbe a identificarsi con gli attori presenti nelle pubblicità e per un uomo su cinque troppo spesso gli uomini vengono rappresentati come non in grado di svolgere faccende domestiche. Gli stereotipi che riguardano il genere maschile, dunque, tendono ad associare la figura dell’uomo a attività, tratti caratteriali e standard di bellezza specifici; inoltre, se fino a qualche anno fa era il corpo della donna a essere oggettivato, oggi non di rado è possibile che lo stesso avvenga con un corpo maschile particolarmente atletico e talvolta anche ritoccato.

Oggettivazione del corpo e standard di bellezza nella pubblicità

Pubblicità di Burger King.

Pubblicità di Burger King.

L’oggettivazione del corpo è un tema caldo nel dibattito pubblico inglese, poiché l’Advertising Standards Authority ha deciso di aumentare i controlli al fine di eliminare gli stereotipi di genere in pubblicità. Attualmente, però, è ancora molto evidente all’interno delle pubblicità la presentazione di un “corpo ideale” che ogni uomo e donna dovrebbero avere, al punto da diventare quasi degli oggetti o degli elementi accessori in contesti in cui la persona in questione è invece totalmente passiva e anonima.

Il corpo femminile IN pubblicità

L’oggettivazione del corpo femminile è un fenomeno che emerge da anni in diverse campagne pubblicitarie, come per esempio quella di Burger King, in cui le connotazioni sessuali negli annunci a stampa sono evidenti. Lo stesso vale per campagne come quella di Yves Saint Lauren, ritenuta da molti «degradante e umiliante» per le donne, oppure per spot come quello di Patatine Amica Chips, alla fine censurato perché violava gli articoli 9 e 10 del codice di Autodisciplina Pubblicitaria relativi a volgarità, indecenza e dignità della persona.

Campagna di Yves Saint Laurent.

Campagna di Yves Saint Laurent.

Vi è poi l’esempio della pubblicità di Dolce & Gabbana, aspramente criticata perché mostrava una sorta di erotizzazione della violenza.

Pubblicità di Dolce & Gabbana.

Pubblicità di Dolce & Gabbana.

Molte pubblicità, inoltre, promuovono una figura della “donna perfetta” che non fa che alimentare aspettative irreali sul “corpo ideale” e sugli standard di bellezza. A tal proposito diversi brand hanno provato a contrastare questa tendenza, contribuendo dunque a far diminuire gli stereotipi di genere in pubblicità.

Impossibile, allora, non menzionare la nota campagna di Dove “For real beauty. In uno degli spot è possibile vedere le fasi di cambiamento di una modella, da prima a dopo il make-up e i ritocchi tramite Photoshop. La pubblicità si conclude con la frase: «Non c’è da meravigliarsi che la nostra percezione di bellezza sia distorta».

Pubblicità Dove Billie

Altri brand, invece, cercano di lottare contro i tabù che riguardano il corpo – in particolare quello femminile –, come il ciclo mestruale, oppure cercano di promuovere la “normalizzazione” di immagini che riguardano i peli presenti sul corpo, per esempio, cosa che paradossalmente non viene mai mostrata in pubblicità di rasoi o prodotti utili alla depilazione.

Hunkvertising e cosa significa essere uomo

L’uomo, in base alla rappresentazione di molti brand, è forte, virile, sicuro di sé, ha successo, ha un fisico scolpito, è poco emotivo e ama sport e motori. Non è un caso, allora, che anche il corpo maschile venga oggettivato, in modo particolare per promuovere determinati prodotti, quindi a fini commerciali. Tale fenomeno è noto anche come  hunkvertising ed è presente in non poche pubblicità.

esempio di hunkvertising maschile

È il caso di campagne come quella di Kraft in cui un modello viene presentato in diversi contesti culinari, posando seminudo insieme ai prodotti.

Annuncio pubblicitario del marchio Henkel.

Annuncio pubblicitario del marchio Henkel.

Lo stesso può dirsi di pubblicità di fragranze per la casa di Henkel, in cui si invita a «guardare lo splendido deodorante per ambienti (scritto in maiuscolo, ndr) vicino a questo splendido uomo (scritto con un carattere più piccolo, come elemento secondario, ndr)».

Se da un lato quindi i media hanno per anni proposto e alimentato un ideale preciso di donna, dall’altro hanno contribuito a rafforzare l’idea che ci fosse un “modo giusto di essere uomo“.

In una pubblicità del profumo Old Spice, per esempio, un attore dal fisico atletico viene mostrato sotto la doccia, intento a invitare il pubblico femminile a paragonarlo a fidanzati e mariti, notando che pur non potendo essere belli come lui potrebbero almeno avere lo stesso profumo, proprio grazie a Old Spice. Si tratta di uno spot di 30 secondi in cui a essere messi in mostra sono gli addominali scolpiti dell’attore, cioè attributi fisici che un «uomo dovrebbe avere e che spesso non ha».

Old Spice | The Man Your Man Could Smell Like
Old Spice | The Man Your Man Could Smell Like

Il brand AXE, invece, per anni ha costruito il proprio posizionamento su stereotipi basati sull’idea di un uomo che non è atleta o modello e utilizza il deodorante spray, diventando così irresistibile per qualunque donna.

Axe :: Chocolate man
Axe :: Chocolate man

Di recente, però, il brand ha rivelato il proprio impegno nel contrastare la presenza di stereotipi di genere in pubblicità. Nel video “Is it ok for guys“, infatti, partendo dalla premessa che al 72% degli uomini sarebbe stato detto «come dovrebbe comportarsi un vero uomo», lo spot mostra diversi dubbi a cui spesso si spera di trovare soluzione tramite ricerche sul web: «Va bene per un uomo essere magro?», «È normale che non mi piaccia fare sport?», «Va bene per un ragazzo essere vergine?», «Va bene piangere?». L’azienda ha spiegato, mediante un tweet legato alla campagna, che non esiste un modo giusto o sbagliato di essere uomo: l’ideale è «sentirsi a proprio agio con la propria espressione di mascolinità».

is it ok for guys... | AXE
is it ok for guys... | AXE

E con la spinta del movimento #metoo, espressione di lotta contro la violenza sessuale rivolta al genere femminile, molti brand hanno compreso la necessità di rivedere i propri valori e la propria comunicazione. È quello che ha fatto per esempio Gillette, riflettendo sullo storico slogan “The best a man can get” (tradotto nella versione italiana con “Il meglio di un uomo“) e sostituendolo, dopo anni, con “The best a man can be” (“Il meglio che un uomo può essere“).

We Believe: The Best Men Can Be | Gillette (Short Film)
We Believe: The Best Men Can Be | Gillette (Short Film)

Nello spot, lanciato il 14 gennaio 2019, Gillette affronta la problematica relativa a un tipo di mascolinità definita “tossica” poiché promotrice di bullismo, violenza e molestie sessuali nei confronti delle donne. La pubblicità ciononostante è stata oggetto di diverse critiche da parte di chi ha ritenuto che il video mostrasse «false supposizioni» sugli uomini. È il caso di The New American e di molti utenti che su Twitter hanno invitato a boicottare il marchio di P&G, accusandolo di presentare nel commercial i classici stereotipi maschili, mostrando scene di uomini che molestano le donne a lavoro, nei programmi televisivi o di ragazzi coinvolti in scene di violenza.

Lo scopo però, secondo le dichiarazioni di Pankaj Bhalla, direttore di Gillette in Nordamerica, era alimentare il dibattito pubblico sull’argomento e incentivare un cambio di comportamento, insegnando alle nuove generazioni quella che sarebbe una versione positiva di mascolinità, attraverso azioni positive – presentate alla fine dello spot – come impedire all’amico di molestare una ragazza per strada o porre fine a una rissa tra ragazzi.

UOMINI, DONNE, ruoli e PROFESSIONI: come combattere gli stereotipi nella comunicazione pubblicitaria?

È possibile affermare che c’è sul tema una sensibilità in netta crescita e sempre più brand cercano di contrastare questa tendenza. Come si combatte, però, uno stereotipo?

Pubblicità di Huggies.

Pubblicità di Huggies.

Si pensi a tal proposito alla pubblicità di Huggies molto criticata per l’enfasi posta sul messaggio «anche i papà possono cambiare il pannolino Huggies». La frase «Per provare che i pannolini Huggies sono resistenti a tutto, li abbiamo sottoposti al più duro dei test: i papà», infatti, non è stata ben accolta dai consumatori per la critica implicita alla capacità degli uomini di prendersi cura dei bambini.

La campagna di Huggies sembrava essere un tentativo del brand di presentare l’uomo come parte attiva nella vita domestica e nella cura dei bambini. Fino a che punto, però, mettere in risalto qualcosa che dovrebbe essere “normale” può rappresentare un buon modo per combattere stereotipi radicati? Se l’obiettivo è “normalizzare” i diversi compiti o interessi di entrambi i sessi allora una buona soluzione potrebbe essere ragionare come se gli stereotipi di genere in pubblicità non esistessero proprio, cioè pubblicità in cui madri e padri si prendono cura dei propri figli allo stesso modo e in cui uomini e donne svolgono esattamente le stesse professioni e ricoprono gli stessi ruoli.

Campagne come quella di Gillette (“The best a man can be“), invece, giocano un ruolo importante nel focalizzare l’attenzione del pubblico sulle conseguenze nefaste della presenza di stereotipi di genere in pubblicità (nel caso specifico, su come può incidere negativamente sulla salute mentale degli individui che potrebbero, difatti, sentire di non essere all’altezza degli standard proposti dai media). Alle aziende, poi, spetta un compito chiave: almeno per la pubblicità potrebbero compiere scelte in grado di promuovere una visione più realistica sia di donne che di uomini.

A questo proposito, nel libro “Advertising and society: an introduction“, Carol Pardun ha lanciato il quesito: la pubblicità è un «riflesso della società o un agente di cambiamento?». Ponendo questa domanda in riferimento agli stereotipi di genere in pubblicità, quale potrebbe la risposta più adatta? Analizzando le due alternative, se i consumatori rispondessero effettivamente in maniera positiva ad annunci ritenuti sessisti, si potrebbe sostenere che l’advertising rispecchi semplicemente le preferenze del pubblico. Partendo invece dal presupposto che la pubblicità sia in grado anche di incidere sulle opinioni dei consumatori relativamente a un dato argomento, sembra lecito supporre che essa sia in grado anche di fungere da promotrice di cambiamenti verso una società più egualitaria, più realistica e più “umana“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI