L’evoluzione dello storytelling: dalle pitture rupestri al boom dei social

Oggi è uno degli strumenti di marketing più potenti a disposizione delle aziende, ma come è nato lo storytelling e come si è evoluto?

L’evoluzione dello storytelling: dalle pitture rupestri al boom dei social

Bisogna andare indietro di 30mila anni per trovare gli antenati dello storytelling e comprenderne l’evoluzione: il primo esempio è rappresentato, infatti, dalle pitture rupestri. L’uomo ha da sempre sentito il bisogno di esprimersi, di raccontare, di condividere con gli altri la sua identità e le sue avventure.

Lo storytelling non è altro che la conseguenza di migliaia di anni di condivisione di storie, in cui l’uomo si è evoluto nel modo di comunicare e negli strumenti d’utilizzo. Le nuove tecnologie, la Rete e, in particolare, i social media sono il fattore scatenante del boom dello storytelling negli ultimi dieci anni: dagli short video su Vine alle storie di Snapchat, anche le aziende hanno iniziato a raccontarsi.

Un’infografica di Carabiner Communications fornisce un quadro relativo al percorso dello storytelling negli ultimi anni, evidenziando l’enorme trasformazione avvenuta in poco tempo nel mondo del marketing e della comunicazione. Dalla nascita dei blog fino al boom dei social network, passando per l’affermarsi del mobile first, lo storytelling è diventato una realtà soprattutto grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie che mantengono i consumatori sempre connessi e capaci di cercare e ricevere stimoli da parte delle aziende.

La concezione moderna di storytelling nasce nel 2004, quando i blog si affermano come protagonisti del web. Ognuno può raccontarsi, utilizzando parole ed immagini. Persone comuni iniziano a raccontare la propria storia a sconosciuti provenienti da ogni angolo del pianeta ed i professionisti del marketing più acuti iniziano a comprendere il potere dei blogger, in grado di influenzare chi ascolta le loro opinioni su prodotti e servizi, come sottolineato da Andrea Fontana, docente universitario e storytelling expert, in occasione del Festival della Comunicazione di Camogli del 2016.

Nello stesso periodo nascono e si affermano i social network che vedono una svolta importante nel 2005: Facebook raggiunge il milione di utenti, nasce YouTube e LinkedIn conta 4 milioni di iscritti. Era l’alba dei colossi social senza i quali oggi non sarebbe possibile immaginare la Rete. Negli anni a seguire nascono i link e i tag e il digitale afferma sempre più la propria supremazia sull’analogico.

Nel 2008, poi, vi è un’altra svolta fondamentale per la storia della comunicazione: la nascita della SEO (Search Engine Optimization). Gli analisti scoprono che il 70% degli utenti online clicca su siti organici, non sponsorizzati; per questo motivo lo studio della SEO passa in primo piano e il modo di scrivere e raccontare cambia.

Nel 2009 è il business a subire dei cambiamenti. Da una comunicazione one-way, per secoli concepita come un messaggio trasmesso dall’azienda ad un consumatore passivo, si trasforma: nasce la comunicazione a due sensi, nasce la condivisione tra azienda e consumatore che diventa attivo e co-creatore.

Il “content“, poi, diventa il nucleo della presenza online delle aziende, i consumatori diventano affamati di informazioni sui più svariati temi e, in particolare, iniziano ad apprezzare articoli e post che contengono immagini: il contenuto diventa visuale. Insomma, terreno ideale per la nascita e il successo di social come Instagram e Pinterest.

Tra il 2014 e il 2015 marketing e tecnologia si fondono per creare nuovi utili strumenti di analisi che consentano ai professionisti del settore di personalizzare i messaggi in base agli interessi e alle abitudini dei consumatori. Gli influencer si affermano come potenti mezzi di persuasione e attraverso le loro storie riescono ad influenzare, appunto, le decisioni d’acquisto di migliaia di persone (si pensi, ad esempio, alle fashion blogger).

A partire dal 2016 video e realtà aumentata danno la spinta allo storytelling per diventare il potentissimo strumento di comunicazione e persuasione che tutte le aziende, oggi, hanno a disposizione per raccontare la propria identità e i propri prodotti in modo coinvolgente: lo scopo è sempre quello di emozionare il consumatore. Nike, Ikea, Burberry e Lego costituiscono i più grandi esempi di storytelling di successo, tuttavia non è necessario disporre di cifre esorbitanti o testimonial famosi affinché il proprio messaggio abbia effetto. La storia è il fulcro: cos’è che si vuole raccontare e perché?

Forbes ha definito lo storytelling come il nuovo imperativo strategico del business, capace di catturare l’attenzione del consumatore attraverso le emozioni e generare, dunque, incrementi in termini di performance. Lo storytelling immersivo, nello specifico, è destinato a diventare un must da esplorare per i brand: dal caso di enorme successo di Pokémon GO, la realtà aumentata è diventata una tecnologia quotidianamente a disposizione di tutti e volta a cambiare le dinamiche del rapporto azienda-consumatore.

Tuttavia, è necessario migliorare il livello medio di qualità dei prodotti. L’enorme mole di fake news presenti sul web, in particolare a seguito delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, ha reso gli utenti più attenti e diffidenti rispetto a quanto presente in Rete. Il consumatore è ormai un utente consapevole, informato e selettivo. Il contenuto resta, dunque, l’elemento base da cui partire per creare una strategia di successo: informazioni veritiere, immagini e video di alta qualità sono elementi imprescindibili affinché la propria proposta venga valutata positivamente dall’audience che si vuole colpire.

L’evoluzione dello storytelling: un’infografica

storytelling-infografica


A firma di: Michela Ferrante Contributor
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Download White Paper

white paper lusso e moda
Le vostre Opinioni
ComunicazioneL’evoluzione dello storytelling: dalle pitture rupestri al boom dei social
Iscrizione Newsletter Settimanale

Vuoi essere sempre aggiornato su ciò che avviene nel mondo del marketing e della comunicazione? Iscriviti alla newsletter di Inside Marketing

Acconsento ed ho letto Privacy Policy

Grazie per esserti registrato!

A breve riceverai una mail di conferma per attivare la tua registrazione.

Se non ricevi la mail di conferma, controlla nella cartella "posta indesiderata" ed aggiungi insidemarketing.it ai mittenti attendibili

In caso di problemi puoi contattarci all' indirizzo redazione[at]insidemarketing.it