Giovedì 12 Dicembre 2019
MarketingCome ti trasformo il cucciolo di casa in un pet influencer (guadagnandoci)

Come ti trasformo il cucciolo di casa in un pet influencer (guadagnandoci)

Su Instagram e non solo sono delle vere e proprie star, amati dagli utenti e corteggiati dai brand: alla scoperta dei pet influencer.


Virginia Dara
A cura di: Virginia Dara Autore
Come ti trasformo il cucciolo di casa in un pet influencer (guadagnandoci)

Coinvolgere gli influencer nelle iniziative no profit è ormai una prassi. Chi lo ha detto però che non ci si possa rivolgere anche a dei pet influencer – piccole, ma neanche troppo, star animali del web – quando si tratta di sostenere una (buona) causa?

C’è un’ape che tutti amano su Instagram e che combatte l’estinzione delle sue simili

È la storia di B., la prima ape influencer. Ha una pagina Instagram verificata (@bee_nfluencer) e seguita da oltre 200mila follower , un numero che, se non la rende certo una mega influencer, non ne fa neanche una micro influencer . Ogni giorno, o quasi, condivide scatti che la vedono impegnata a scoprire la città in cui vive, nella beauty routine, a godersi il meritato relax nella classica posa da spiaggia acchiappa like, con tanto di zampette in bella vista.

Soprattutto, è in cerca di collaborazioni con brand e prodotti che la possano aiutare nel suo intento principale: sostenere concretamente la lotta contro l’estinzione delle api. Secondo dei dati raccolti da Fondation de France che gestisce il profilo della pet influencer B., infatti, oltre il 30% delle colonie francesi sta scomparendo sistematicamente: non che non si possa fare niente per evitarlo; anzi, anche piccoli gesti e piccole attenzioni quotidiane potrebbero rendere il mondo più a misura di api. Quello che è più difficile è rendersi conto davvero dell’emergenza in corso e capire perché le api siano essenziali per la nostra sopravvivenza quotidiana. Non è difficile immaginare, insomma, che trovate come quella di un profilo Instagram per B., la prima ape influencer, servano soprattutto come strumento di sensibilizzazione.

Il mondo dei pet influencer è come il mondo degli influencer veri: girano soldi e opportunità di guadagno

In questo senso la storia di B. è atipica, tra l’altro, rispetto a quella di molti altri pet influencer. Che animali come cani, gatti ma «anche maiali, scimmie o ricci» – ha raccontato a Vox il responsabile di un’agenzia per animal influencer – possano essere utilizzati, e lo sono sempre di più, per campagne di influencer marketing anche di grandi brand e in settori che non per forza hanno a che vedere con prodotti e accessori per animali è ormai un dato di fatto piuttosto assodato per marketer e non solo. Almeno dal 2017, tra l’altro, Forbes stila una classifica dei Top Pet Influencer dell’anno, a dimostrazione che quando si parla di animali e cuccioli sui social non si tratta solo di un trend virale del momento ma di soldi che circolano e (buone) possibilità di guadagno.

Quanto e come guadagna un pet influencer? Esattamente come guadagna un influencer umano e, se si è bravi nel trovare l’unicum del cucciolo di casa, anche le entrate non dovrebbero avere niente da invidiare. Sempre più brand del resto, come già si accennava, si dimostrano disposti a investire su influencer animali. Esattamente come per altri tipi di influencer, le collaborazioni tra brand e pet influencer possono tradursi, per esempio, in post sponsorizzati per realizzare i quali il cucciolo – o chi per lui, va da sé – riceve una fee o i prodotti in questione in prova gratuitamente: è la soluzione per cui optano soprattutto i brand di moda e del fast fashion, con il risultato che pet influencer come zappa_the_cat hanno guardaroba da far invidia a fashion blogger e fashion influencer umane.

In alternativa, brand e influencer animali possono collaborare in una prospettiva di più lungo periodo, nella creazione per esempio di un piano di contenuti branded: catene di alberghi, anche di lusso ma con una politica pet-friendly come il Ritz-Carlton hanno  assunto dei pet influencer per raccontare, per esempio, perché passare una vacanza da loro con gli animali di casa. Si può e si deve considerare, poi, che la maggior parte dei pet influencer hanno blog , pagine Facebook e altri profili social con già un buon seguito: si potrebbero realizzare perciò uno o più guest post se il target di riferimento è in linea con il proprio. Ancora, in occasione di eventi speciali o festività, proprio come si fa con gli influencer veri, si potrebbero organizzare take over dei profili aziendali, dandoli temporaneamente in gestione a questi cuccioli seguitissimi della Rete. E, ancora, si potrebbero sfruttare partnership e collaborazioni sul versante merchandising : per molti pet influencer come Isotta Catfluencer, una sezione Shop da cui vendere piccoli gadget è essenziale non solo per monetizzare la propria presenza digitale, ma anche e soprattutto per fidelizzare, con la forza di un oggetto fisico, la propria community.

Quando il cucciolo di casa ha “la stoffa” dell’influencer

Non tutti del resto godono del carisma innato di O’gringo (@gringomoustachecat), il gatto con i baffi che, grazie alla peculiarità del suo pelo e allo sguardo profondo da attore, ha sedotto Instagram, e non solo se si considera che, come si legge nella bio ufficiale, è brand ambassador di un’azienda di oggetti di design per amanti dei gatti.

Né, nonostante ci sia una vera e propria corsa ad auto-nominarsi suo erede, è facile nasca un altro Grumpy Cat, il gatto arrabbiato più famoso della Rete. Esempi come questi non servono solo a sottolineare ancora, se davvero ce ne fosse bisogno, che anche un animale domestico può diventare una vera e propria star del web e attrarre seguito che niente ha da invidiare a quello di A list influncer umani e altre celebrità della Rete. Sono esempi che spiegano, nei fatti, perché non basta avere un animale domestico e la passione – a tratti l’ossessione – di fotografarlo per riuscire ad attrarre i brand e a chiudere con questi collaborazioni remunerative. Un pet influencer diventa tale solo se ha una personalità unica, che il padrone o chi per lui – ci sono infatti, come già si accennava, molte agenzie che lavorano oggi anche con gli influencer animali – riesce a valorizzare. Parola di chi ha portato al successo Dolly Pawton, la chihuahua seguitissima su Instagram (oltre 150mila follower a novembre 2019, ndr) che abbiamo visto indossare accessori Moschino, sposare la causa della comunità LGTBQ+, persino diventare contributor per Marie Claire.

View this post on Instagram

🏳️‍🌈DP FAM! It’s my favourite day in the calendar, it’s Pride in London and the one time of the year where thousands of likeminded people come together in solidarity to celebrate the only thing that matters. Love and equality.  Don’t EVER dilute yourself to fit the mould or for someone else’s comfort.  Never allow any person or any reason to discourage you from being your true self because the right people will love the real you. I’m so proud to be a part of the love for all @hm campaign where sales benefit UN free and equal because visibility is so important. When you are living the best version of yourself you will inspire others to live the best version of themselves. See the light in each other and be the light for each other. Let’s stop waiting for change and start working on it together and raise awareness every day not just on pride days. Never think that what you have to offer is insignificant because there will always be someone out there who needs what you have to give. In a world where you can be ANYTHING at all BE YOURSELF and live your absolute truth. You matter and your dreams are valid. Celebrate yourself always. HAPPY PRIDE! Lead with love. #LOVEFORALL #Hm #Pride #Lgbt #Gay #PrideInLondon #Lovewins #LoveisLove #Lgbtq #LgbtPride

A post shared by ᗪOᒪᒪY ᑭᗩᗯTOᑎ™ (@dolly_pawton) on

Come trasformare cane e gatto di casa in un pet influencer

Tra gli altri consigli a prova di pet influencer c’è, ancora una volta come succede per gli influencer umani, scegliere un tema, un argomento, un campo, un settore di riferimento. Da Suki, la gatta leopardata che ha girato il mondo, alla strana coppia di HenryTheColoradoDog, un cane e un gatto che hanno girato l’America nei modi e con i mezzi più incredibili, al momento sembrano spopolare soprattutto i pet travel influencer.

View this post on Instagram

Spooky Suki 👻🎃

A post shared by Suki Cat (@sukiicat) on

View this post on Instagram

Poor little Baloo had a bad allergic reaction to his vaccinations and at one point he could barely stand and couldn’t put any weight on one of his legs (swipe left for pic) 🥺 . Every time he moved, he’d cry out in pain which would make me immediately start bawling. So we went back to the vet and thank goodness they fixed him right up, if only for my own sanity. He’s finally back to being our little Baloo and now we’re headed to Michigan to visit some family and explore the Midwest (H+B’s first time in these states and mine too!!) We were actually suppose to leave Tuesday night, but plans change and B’s health is way more important than a few extra days on the road ❤️. . Titer Test – A simple blood test that checks your pet’s antibodies and allows you to know which vaccines need updating and which do not. Most pets don’t need booster shots every year, so ask your vet about this test! Thanks so much everyone for this info as we had no idea about this test and will always be getting it for H+B in the future :)

A post shared by Henry + Baloo 👋🏼 (@henrythecoloradodog) on

Che sia la moda, il design, il lifestyle però non importa: quello che conta è la specializzazione e il riuscire, nel tempo, a guadagnare credibilità e affidabilità presso community ben definite e settoriali. Non c’è rimedio alla crisi dell’influencer marketing che giocare su metriche poco di vanità come un coinvolgimento dei propri fan che riesca a trasformarsi in lead concreti.

Va da sé che la qualità dei contenuti – quando si comincerà a seguire un buon numero di pet influencer ci si renderà conto che la maggior parte di questi sono fotografati da professionisti, più che da semplici amanti degli animali – insieme a una pianificazione strategica, a una certa costanza nella pubblicazione, all’uso degli hashtag giusti e alla capacità di fare rete con altre piccole e grandi celebrità del proprio campo sono essenziali per riuscire a monetizzare la presenza digitale del proprio animale di casa. Certo, aiuta anche il fatto che le persone amano guardare sui social tutti gli animali, in generale e non solo i gattini, per la capacità che questi hanno di stimolare «il rilascio di endorfine e aiutare le persone a sentirsi felici», continua Vox, e senza che provino «nessuna forma di gelosia» o si sentano «strambi nel commentare un post scrivendo “Oddio, sei il più dolce piccolo terrier”» o ancora sentano il bisogno di sostituire il loro istinto tenero con formazioni reattive nella forma di hate speech e insulti diretti verso l’influencer del caso.

Libri di approfondimento

  • Professione influencer. Crea il tuo personal branding, comunica e monetizza la tua presenza online
    Professione influencer. Crea il tuo personal branding, comunica e monetizza la tua presenza online

    "Professione influencer" promette di fornire conoscenze teoriche, competenze strategiche e strumenti pratici a chiunque voglia diventare influencer.

    Leggi
  • influencer marketing 2.0
    Influencer Marketing 2.0: Come sviluppare una strategia influencer-oriented

    In questo libro viene spiegato cos’è l’influencer marketing e come si costruisce un piano coerente con gli obiettivi di business?

    Leggi
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2019 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI