Sabato 23 Giugno 2018
ComunicazioneTu vuò fà l’americano, ma noi abbiamo il trash italiano

Tu vuò fà l'americano, ma noi abbiamo il trash italiano

Trash italiano è un portale in cui è racchiuso tutto il meglio del peggio prodotto dai programmi tv italiani, raccontato attraverso un collage di GIF.


A firma di: Stefania Zona Contributor
Tu vuò fà l'americano, ma noi abbiamo il trash italiano

Secondo Ofcom, tra i 16 e i 24 anni solo il 50% degli spettatori guarda programmi in diretta, perché è attraverso servizi come Netflix, che i giovani trovano maggiore soddisfazione di fruizione, così possono scegliere cosa, come e quando guardare. Abbiamo sempre un occhio puntato oltreoceano, negli Stati Uniti in particolare, che sono il maggior cantastorie del nostro tempo. Gli americani sono i padroni indiscussi delle serie tv, ma non dobbiamo dimenticarci che anche noi in Italia abbiamo un genere in cui dominiamo incontrastati, il nostro pezzo forte è il trash.

Il trash italiano non ha nulla da invidiare, riusciamo a toccare dei picchi di tensione narrativa che i migliori sceneggiatori di Hollywood si sognano e senza neanche bisogno di un copione! Se ne è accorto Marco, un ragazzo che ha messo su blog, trashitaliano.it, per condividere con il mondo tutto il trash che ci offre la nostra TV, attraverso le modernissime GIF. Il blog trash italiano è un grande contenitore di tutti quei momenti topici all’interno dei programmi tv più visti. Marco non fa altro che immortalare come un abile fotografo tutti i fotogrammi delle scene più toccanti e li trasforma in GIF, che poi raccoglie e cataloga all’interno del suo blog. Insomma un’idea molto semplice, che lui ha trasformato in tendenza.

Il meglio del peggio del trash italiano

Sul blog del trash italiano è possibile trovare ‘giffati‘ numerosi personaggi emblematici del nostro panorama televisivo: da Maria De Filippi a Barbara D’urso, passando per Emma ed Enzo Miccio, anche se la regina indiscussa è lei: Tina Cipollari. Opinionista a Uomini e Donne è diventata il personaggio più odiato e allo stesso tempo amato dei pomeriggi italiani ormai da anni, con il suo carattere piccante che non le manda certo a dire, si è guadagnata scettro e corona del trash italiano, lasciando però il trono ‘a quei poveri sgallettati‘ in cerca di uno pseudoamore. Tra le sue frasi più celebri ci sono “No Maria io esco…” “Ma che sei impazzita!?” “Tra un po’ dò fuoco allo studio” “Non ti permettere proprio” “Maria finisce male te lo dico subito” e tante altre, in più ci sono i travestimenti che adotta nelle occasioni particolari, il tutto accompagnato da urla e pianti degni dei migliori sceneggiati.

Tutte queste GIF hanno latente un potere enorme: quello della viralità e Marco alias trash italiano lo sa bene. Ecco cosa ha detto in un’intervista su Ziguline: “Tutto dipende dal personaggio e dal mio pubblico. Se in TV c’è una star del momento tendo a trasformare in GIF qualche sua frase o parola che è rimasta impressa alla gente. Se devo essere sincero mi baso molto sui tweet. Se invece parliamo di personaggi ricorrenti o fissi, come Tina Cipollari, anche una frase comune può diventare GIF. È molto importante scegliere frasi che potrebbero essere dette da persone comuni come me e te, ne incrementa la diffusione.

Per questo motivo trash italiano, non è solo un blog, ma ha attorno a sè una rete social degna dei migliori casi di social media marketing. Infatti è presente su tutte le piattaforme social esistenti:

  • Pagina Facebook, vanta più di 22000 fan ed è il cuore della condivisione dei meme creati;
  • Instagram, con circa 1500 seguaci diffonde il virus sotto forma di foto statiche;
  • Twitter, più di 55000 follower per commentare insieme i migliori momenti trash durante i programmi;
  • Vine, che permette di diffondere dei brevi video;
  • Tumblr, il blog per eccellenza, che è nato prima del dominio di trash italiano;
  • Snapchat, il nuovo social network usato per arrivare ai millenials.

Insomma un’esperienza totalizzante, che permette ai virus del trash italiano di circolare e proliferare in un habitat a loro congeniale. Addirittura c’è una sezione del sito in cui è possibile scaricare un pack contenente i migliori meme, audio e mini video del trash italiano. Il contagio è cominciato e non esiste cura che tenga.

Che altro aggiungere, non posso che concludere questo articolo dicendovi “No Maria io esco…trash italiano "No maria io esco"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti
Iscriviti alla newsletter!

Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.
Cosa aspetti?!

Iscriviti