Venerdì 15 Novembre 2019
ComunicazioneTwitter banna la pubblicità politica in vista delle prossime presidenziali americane

Twitter banna la pubblicità politica in vista delle prossime presidenziali americane

Twitter banna la pubblicità politica e a twittarlo è direttamente il CEO della piattaforma: cosa c'è, però, dietro a una decisione simile?


Virginia Dara
A cura di: Virginia Dara Autore
Twitter banna la pubblicità politica in vista delle prossime presidenziali americane

Twitter banna la pubblicità politica. A darne notizia è il CEO della piattaforma dei cinguettii, Jack Dorsey, spiegando le ragioni che hanno portato lui e il suo team a implementare una nuova policy in vista delle presidenziali americane del 2020.

Perché Twitter dice di no ai tweet politici sponsorizzati

«Crediamo che la visibilità di un messaggio politico dovrebbe essere guadagnata e non comprata» si legge, infatti, nel primo di una serie di tweet che provano a spiegare perché Twitter banna la pubblicità politica e come ha intenzione di farlo.

Chi frequenta da professionista il mondo dei media, del resto, conosce bene la differenza tra messaggi che circolano sui cosiddetti media earned e contenuti pensati appositamente, invece, per i media paid: se i primi sono in genere percepiti come più spontanei e credibili, i secondi sono strategicamente progettati perché risultino su misura per l’utente che si intende raggiungere e proprio per questo hanno più possibilità di farlo. Quando il messaggio in questione è un messaggio di natura politica i rischi si fanno «significativi» dal momento che, diversamente da quanto accade per i messaggi di natura semplicemente commerciale per esempio, in gioco c’è la possibilità di «influenzare il voto», cosa che incide a valle «sulla vita di milioni di persone», continua Dorsey.

I precedenti storici, insomma, non possono che aver orientato la decisione di Twitter di non accettare più annunci politici in tutto il mondo per prepararsi alle prossime tornate elettorali (la nuova policy di Twitter dovrebbe essere in vigore infatti già dal 22 novembre 2019 e dopo aver dato un tempo ragionevole a marketer e staff politici che attualmente investono in pubblicità su Twitter per rivedere la propria strategia). Dallo scandalo Cambridge Analytica in poi, infatti, questioni come quelle del micro-targeting o delle dark ads sono diventate di dominio diffuso, costringendo le piattaforme digitali a mostrarsi responsabili rispetto all’impatto e alle sfide che le frontiere più nuove della digital advertising possono porre al discorso pubblico e al suo stato di salute: machine learning, programmatic advertising , deep fake creano inevitabilmente «sofisticazioni» del discorso politico, twitta ancora Jack Dorsey.

Dunque, Twitter banna la pubblicità politica, da solo, e questo non può certo bastare. Il CEO della piattaforma ne è tanto convinto che nell’annunciare la nuova policy della sua piattaforma invoca anche una nuova «lungimirante regolamentazione per gli ad politici», in cui la parola d’ordine sia trasparenza. Non c’entra «tanto la libertà d’espressione […]: pagare per aumentare la reach di un messaggio politico ha ramificazioni significative che l’infrastruttura democratica odierna non è ancora pronta a tenere sotto controllo».

Twitter banna la pubblicità politica per non essere come Facebook?

«Non saremmo credibili se dicessimo “stiamo lavorando duramente perché le persone smettano di prendersi gioco dei nostri sistemi per diffondere informazioni scorrette, ma se qualcuno ci paga per arrivare alle persone e costringerle a vedere i propri messaggi politici e allora… può scrivere quello che vuole”», continua Dorsey.

La polemica, davvero poco velata, è verso le nuove policy Facebook per le presidenziali 2020 e, in particolare, verso la tanto discussa decisione di non fare fact-checking su post e contenuti pubblicati dai politici. Non a caso c’è chi ha letto la notizia che Twitter banna la pubblicità politica proprio nell’ottica di una netta contrapposizione alle politiche di Zuckerberg, sì, proprio come se si trattasse di una sorta di ritorno alle origini dell’era del social networking quando l’infinita querelle tra Twitter e Facebook si combatteva a suon di funzioni nuove, nuove impostazioni rese disponibili su un social e non su un altro e via di questo passo. Più realistico è che la scelta di Dorsey sia mirata a evitare problemi istituzionali: l’ultima audizione di Zuckerberg davanti al Congresso per il caso Libra mostra infatti chiaramente come lo spirito delle istituzioni nei confronti dei big del digitale non sia più quello di un certo laissez-faire.

Le prime reazioni alla notizia che Twitter banna la pubblicità politica

Contrastanti le prime reazioni del mondo politico, americano soprattutto. La novità che Twitter banna la pubblicità politica è stata accolta con un certo entusiasmo, infatti, soprattutto dall’area democratica; come scrive The Guardian la deputata Ocasio-Cortez, che negli scorsi mesi ha ridotto la sua presenza digitale dopo essere arrivata al Congresso anche grazie a una efficace strategia di comunicazione social e che proprio in questi giorni ha messo alle strette Zuckerberg sulla questione del ruolo pubblico consapevolmente o meno svolto da piattaforme come Facebook, l’avrebbe definita «un’ottima scelta».  È stato lo staff elettorale di Trump a rinominarla invece «una scemenza» dal punto di vista economico e da quello politico l’«ennesimo tentativo di mettere a tacere i conservatori». Tiepida, infine, la reazione del mondo accademico e dei professionisti dei media che davanti alla scelta di Twitter di rifiutare political ads hanno rimarcato la necessità, piuttosto, di limitare i dati – specie se personali e sensibili – a disposizione dei marketer e che questi possono usare per le loro campagne, insieme all’impossibilità di distinguere in ogni caso qual è un messaggio politico da quale non lo è (delle indicazioni in proposito vengono, però, dallo stesso Dorsey, che ha specificato che Twitter bannerà la pubblicità dei canditati o che riguardino le loro principali proposte politiche, ma non bannerà, per esempio, annunci di servizio con date e modalità di voto, ecc.).

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2019 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI