Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
Resta aggiornato:
Inside Marketing
MacroambienteLa rinascita del mercato del libro: vendite in tempo di pandemia e proiezioni future

La rinascita del mercato del libro: vendite in tempo di pandemia e proiezioni future

Dopo un calo durante il lockdown, le vendite di libri hanno registrato un incremento, dovuto anche alla diffusione di codici sconto.

vendite di libri aumentano in pandemia

Il 2020 ha registrato un “boom” degli acquisti nel settore libri, sia fisici che digitali, andando a pareggiare i valori ottenuti nel 2019. Perché dunque si parla di eccellenti risultati? Semplicemente perché le stime fatte durante i mesi di aprile e maggio 2020 erano state a dir poco catastrofiche, con un calo che ha sfiorato il -45%. Questi dati negativi sono stati il frutto delle chiusure derivanti dalle misure di contenimento dei contagi da COVID-19, che hanno portato centri commerciali e librerie ad abbassare le serrande molto di frequente.

La riduzione degli acquisti presso i punti vendita fisici, nei periodi dei vari lockdown, è stata però controbilanciata dalle cifre estremamente positive ottenute tramite il mercato digitale, che hanno visto la vendita di eBook e audiolibri aumentare, rispettivamente, del 37% e del 94%. Questo è dipeso anche dalla chiusura di tutti i punti vendita presenti in autogrill, stazioni e aeroporti, realtà che hanno visto diminuire il proprio giro d’affari anche del 90% rispetto al solito.

Tuttavia, da giugno 2020 l’acquisto di libri da parte dei consumatori è andato in crescendo, merito anche della decisione presa dal Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini, che ha fatto inserire le librerie nell’elenco delle attività predisposte alla vendita dei cosiddetti “beni essenziali”. In questo modo i punti vendita fisici sono rimasti aperti anche quando le serrande degli altri negozi sono state obbligate ad abbassarsi.

Quali sono i fattori che hanno contribuito a questa crescita nelle vendite di libri?

La pandemia ha modificato, spesso radicalmente, le abitudini dei consumatori, portandoli a organizzare il tempo a propria disposizione in modo nettamente differente. Dai cinema chiusi all’impossibilità di riunirsi nei locali o di viaggiare, passando per lo smart working, la DAD, il coprifuoco categorico e le ulteriori restrizioni derivate dal lockdown, tutto ciò ha “regalato” secondi, minuti, ore, giornate e intere settimane agli amanti dei libri.

Ecco che quindi che la semplicità di un romanzo, in formato cartaceo o digitale, ha saputo riempire in modo efficace, costruttivo e poco costoso il tempo dei cittadini, proponendosi come alternativa reale ai dispositivi elettronici, come PC e smartphone.

La stessa immagine dell’Italia ha tratto vantaggio dalla decisione di considerare il libro un bene essenziale e il Paese ne ha guadagnato in prestigio agli occhi dell’intero mondo culturale europeo e mondiale, anche grazie ai vari finanziamenti stanziati in favore degli editori. Questi ultimi hanno assistito, inoltre, a un moderno Rinascimento degli scrittori, che nella pace della quarantena hanno trovato nuova ispirazione, con tantissime nuove opere che hanno raggiunto e superato le 100mila vendite.

Altro fattore di rilievo è stato quello delle quote di mercato, che hanno subito modifiche repentine proprio in riferimento alla diffusione del virus sul territorio nazionale. Un esempio? La quota relativa agli eCommerce è balzata al 40%, contro il 30% dell’anno precedente, un incremento vertiginoso che si sarebbe potuto ottenere (forse) in cinque o sei anni, fenomeno che la pandemia ha accelerato in modo significativo.

Codici sconto IBS

C’è anche un altro motivo che ha spinto gli appassionati di libri a comprare online, ossia la diffusione di codici promozionali. In tantissimi hanno puntato, per esempio, sui codici sconto IBS per rendere più conveniente il proprio shopping virtuale. Cosa sono però i buoni sconto? Si possono chiamare in mille modi diversi, ma, in ultima analisi, rappresentano tutti un pratico strumento di risparmio digitale. In genere sono costituiti da una breve serie alfanumerica, ma possono apparire anche come semplici link sui quali cliccare per raggiungere la pagina dedicata all’offerta.

I vantaggi che un codice sconto IBS può riservare al cliente sono diversi, a partire dalle classiche riduzioni di prezzo, che possono essere fisse oppure calcolate in percentuale, fino ad arrivare all’azzeramento delle spese di consegna. Alcuni coupon permettono, inoltre, di ricevere degli omaggi insieme al proprio ordine o di accedere a vendite esclusive in anteprima. Le opportunità sono dunque molto varie.

Il modo più pratico per rimanere aggiornati su tutte le novità del sito IBS è attivare il servizio newsletter. Il processo di registrazione è semplice, poiché basta individuare il riquadro dedicato al servizio e inserire il proprio indirizzo email nell’apposito spazio. Dopo essersi iscritto, il cliente riceve delle email periodiche che lo aggiornano sulle iniziative imminenti e sulle promozioni disponibili sulla piattaforma, comprese quelle che riguardano i codici sconto. Gli utenti più giovani, abituati a navigare sui social, hanno anche la possibilità di seguire IBS sulle varie pagine ufficiali, direttamente su Facebook, Twitter, Instagram e YouTube, così da visualizzare i nuovi contenuti pubblicati e le relative informazioni presenti al loro interno.

La corsa al libro durerà o si esaurirà alla fine della pandemia? Nessuno lo può sapere, ma la speranza è che questo trend prosegua anche quando l’emergenza sarà finita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI