MarketingWeb marketing: la potenza delle immagini!

Web marketing: la potenza delle immagini!

Quando si inizia una campagna di web marketing elementi come le immagini, i testimonial e i colori adoperati ricoprono un ruolo decisivo.

Web marketing: la potenza delle immagini!

Le immagini ricoprono un ruolo importante nella vita quotidiana di tutti noi: siamo circondati da cartelli pubblicitari, fotografie, insegne. La loro forza sta nell’essere in grado di esprimere concetti ed idee astratte in modo decisamente più efficace di un testo scritto. Si può affermare, infatti, che la comunicazione visiva sia di forte impatto e indubbiamente più diretta rispetto alle parole: il linguaggio delle immagini è universale. La comunicazione non verbale è, pertanto, un’ottimo mezzo pubblicitario non solo per il mondo offline, ma anche per il web marketing.

Non bisogna, innanzitutto, trascurare il ruolo che i colori ricoprono sul nostro processo decisionale: sono proprio le nuance a catturare la nostra attenzione e ad influenzare il nostro mood. Quando si creano disegni, infografiche o illustrazioni è, quindi, fondamentale ricordare che sono proprio le tinte ad invogliare a leggere la parte scritta che accompagna la rappresentazione grafica: quante volte ci è capitato di leggere articoli (risultati poi di scarso valore) solo perchè l’immagine ha catturato la nostra attenzione?
L’ultimo esempio, in termine temporale, è il cartone animato Inside Out, il film Pixar nelle sale proprio in questo mese di ottobre 2015. La trama punta a mostrare al pubblico cosa accade nella testa di ognuno di noi attraverso la “quotidianità” dei sentimenti. Le vite umane sono guidate da 5 piccoli personaggi di colori diversi, in base all’emozione che rappresentano: Gioia è gialla, Tristezza è blu, Rabbia è ovviamente rosso, mentre Paura e Disgusto sono rispettivamente viola e verde. Già da questi esempi si può notare come il rosso sia il colore della passionalità (sia essa positiva o negativa), il giallo, in quanto colore caldo, suggerisce il buon umore. Al contrario, il blu è un colore freddo che può suscitare sconforto e anche infelicità.
Quando si inizia una campagna di web marketing, si deve, pertanto, prestare particolare attenzione alla scelta dei colori, perchè saranno proprio quelli a determinare l’interesse del pubblico nei confronti del nostro operato.

Altro aspetto da tenere in considerazione nel web marketing (e nella pubblicità offline) è l’utilizzo di persone. Un volto o una voce che assicura al potenziale cliente la validità del prodotto/servizio offerto, aumenta la credibilità del brand. La scelta di un testimonial per la nostra immagine, o per il nostro video, può seguire due logiche:

DI INTERMEDIAZIONE: il testimonial viene preferito in base alla notorietà e non alla relazione che ha con la marca e la sua vision. Questa è la strategia che mira alla notorietà immediata del brand. Ultimi esempi in ordine temporale di questa strategia sono i testimonial di Vodafone e Rio Mare, che hanno scelto rispettivamente Bruce Willis e Kevin Costner.

DI COMPLICITA’: il testimonial ha un particolare legame con il mondo del brand. Questa strategia agevola il processo di identificazione del consumatore. Lo chef stellato Carlo Cracco è stato scelto dalla famosa azienda di patatine San Carlo, mentre, la vincitrice della seconda edizione di Masterchef Italia e oggi giudice de La prova del cuoco, Tiziana Stefanelli, è stata selezionata da Star.

Ma andando oltre all’utilizzo di celebrità, impiegare una persona nel visual marketing rappresenta spesso un vantaggio: oltre a dare origine ad un processo di identificazione del pubblico, accresce la fiducia nel prodotto/servizio offerto, più in generale nel brand. Tale supporto potrebbe avere maggior valenza nel web marketing. Infatti, il mondo digitale è molto spesso valutato con diffidenza ed è basilare distinguersi e cercare di “catturare” la fiducia dell’interlocutore.

Infine e a riprova dell’importanza delle immagini nel marketing, stiamo assistendo ad un grande impiego delle infografiche: un mix di immagini e parole che rappresenta uno strumento particolarmente valido per il visual markenting. L’infografica permette, infatti, di poter trattare qualsiasi argomento. Notizie di attualità, nozioni complesse, ma anche tematiche di importanza sociale (e non), ecc. La caratteristica principale di un’infografica è la perfetta sintonia tra la parte scritta e quella grafica: se ciò venisse a mancare, sarebbe controproducente e penalizzante.

Può essere utile per rappresentare statistiche o grafici che diversamente risulterebbero di difficile comprensione, ma che attraverso una rappresentazione accattivante possono essere accessibili ad un maggior numero di utenti.
L’infografica può anche essere condivisa sui social network in accompagnamento ad un post di commento. E la possibilità che un contenuto simile diventi virale è piuttosto alta: si stima, infatti, un aumento del 12% del traffico in quei siti che le utilizzano.

In conclusione è possibile dare un’occhiata ad alcuni dati che ci indicano come il 93% della comunicazione umana è non verbale e che le persone ricordano, in media, ben l’80% di ciò che vedono e solo il 20% di ciò che leggono. Numeri alla mano, le immagini stanno quindi assumendo sempre maggior valore nella promozione e nel rafforzamento di un brand.


A firma di: Gloria Zaffanella Public Relation Manager di Stampaprint S.r.l.
© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Corsi Formazione

Tutti i corsi