Domenica 12 Luglio 2020
MacroambienteWikimedia annuncia un nuovo codice di condotta per combattere le molestie all’interno della community di Wikipedia

Wikimedia annuncia un nuovo codice di condotta per combattere le molestie all'interno della community di Wikipedia

Wikimedia prende posizione contro le molestie all'interno della community di Wikipedia, annunciando nuove politiche, più rigide.


Raquel Baptista
A cura di: Raquel Baptista Autore
Wikimedia annuncia un nuovo codice di condotta per combattere le molestie all'interno della community di Wikipedia

«Molestie, comportamenti tossici e inciviltà nel movimento Wikimedia sono contrari ai nostri valori condivisi e dannosi per la nostra visione e missione», ha dichiarato il Board of Trustee, l’ente che si occupa della supervisione di Wikipedia (e di altri progetti di Wikimedia), sul blog ufficiale. In seguito a una votazione, tenutasi il 22 maggio 2020, la fondazione ha annunciato la definizione di nuove regole di condotta volte a combattere le molestie all’interno della community di Wikipedia.

Combattere comportamenti “tossici” e molestie all’interno della community di Wikipedia

Wikimedia ha deciso di prendere una posizione più severa in merito a delle condotte negative, situazioni di violenza e di conflitto all’interno della comunità, concentrandosi sullo sviluppo di nuovi standard di sicurezza non solo per questa piattaforma ma per tutti gli altri progetti di Wikimedia. L’idea sarebbe quella di promuovere degli «spazi accoglienti, inclusivi e privi di molestie all’interno dei quali le persone possano contribuire in maniera produttiva e portare avanti dibattiti costruttivi», poiché, secondo il Wikimedia Foundation Board of Trustee, finora i progressi in questo senso non sarebbero stati sufficienti.

Come si può leggere nel blog post, Wikimedia ha l’intenzione di prendere le misure necessarie a bandire, sancire o limitare l’accesso ai relativi progetti da parte di utenti che non rispettino le nuove politiche d’utilizzo. Più dettagli su questo processo di moderazione verranno delineati verso la fine del 2020, ma finché le direttive non verranno implementate in maniera effettiva la Wikimedia Foundation adotterà delle politiche provvisorie per fermare ed evitare situazioni di ostilità e molestie all’interno della community di Wikipedia.

Le “Guerre di modifiche” e altre problematiche difficili da gestire

I cosiddetti “wikipedian” o “editor”, cioè tutti quegli utenti che si occupano della scrittura e della modifica degli articoli sulla piattaforma, offrono volontariamente il proprio contributo alla crescita dell’Enciclopedia Libera. Tuttavia, come ironicamente riportato in una curiosa pagina presente su Wikipedia (a fini umoristici) dal titolo “Lamest edit wars“, «persino i wikipedian con più esperienza occasionalmente perdono la testa, lanciandosi in guerre di modifiche […], sprecando tempo focalizzandosi su argomenti senza valore pratico». La pagina in questione, come si deduce dal titolo (in italiano tradotto come “le guerre di modifiche più noise”), elenca molte situazioni in cui gli editordi Wikipedia «perdono la visione del quadro generale, usando enormi quantità di energia litigando per qualcosa che, alla fine, non è così importante».

molestie all'interno della community di wikipedia

Immagine usata da Wikipedia a fini umoristici per illustrare le cosiddette “guerre di modifiche” tra editor. Fonte: Wikipedia

L’Enciclopedia Libera chiarisce e prende posizione sulle cosiddette edit wars che descrive come delle «situazioni in cui due o più utenti fanno ripetutamente modifiche tra loro opposte, tentando di far prevalere per insistenza la propria versione», spesso dando origine a degli scontri tra collaboratori. Nella pagina in questione vengono riportati esempi di “litigi” tra editori attorno a temi o pagine controverse (e altamente improbabili) come le origini di Chopin, di Freddy Mercury, di Nelly Furtado o di Jennifer Aniston, solo per menzionarne alcuni.

Altri problemi sorgono quando si assiste al tentativo di alcuni editor di far rispettare a tutti i costi determinati standard editoriali in un modo che potrebbe far allontanare i nuovi utenti. Un episodio particolarmente noto a questo proposito si è verificato nel 2019, quando la Wikipedia Foundation ha sospeso un noto editor che era stato segnalato da altri utenti per il suo atteggiamento aggressivo e impossibile da gestire.

La problematica è degna di attenzione, tanto che la fondazione ha incluso le situazioni di molestie all’interno della community di Wikipedia come uno dei «principali ostacoli al raggiungimento di equità di genere all’interno del movimento Wikimedia». In questa pagina vengono così riportate le testimonianze di 65 intervistati, alcuni dei quali fanno riferimento a presunte situazioni di molestie da loro vissute in prima persona, all’interno della comunità: un utente per esempio ha dichiarato che, dopo aver chiesto la rimozione di contenuti pornografici presenti su un determinato profilo utente, sono stati pubblicati dei contenuti pornografici sul suo profilo; un altro ancora ha riportato di aver subito delle aggressioni (verbali) durante una discussione su pagine Wikipedia relative a biografie di donne.

Sono proprio episodi come questi che la fondazione vuole provare a contrastare con le nuove politiche, incoraggiando i propri utenti a «collaborare in un modo che rispecchi i valori di apertura e inclusione di Wikimedia» e a metterci il proprio impegno nella promozione di una «cultura sicura e accogliente per tutti, fermare comportamenti ostili e tossici e supportare le persone che sono state colpite da questi comportamenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Iscriviti alla newsletter! Ricevi gli aggiornamenti settimanali delle notizie più importanti tra cui: articoli, video, eventi, corsi di formazione e recensione libri
Potrai anche usufruire di offerte esclusive per libri, eventi e corsi.

Iscriviti

Altre notizie

© Inside Marketing 2013 - 2020 è un marchio registrato ® P.iva 07142251219
×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

loading
MOSTRA ALTRI