Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
MacroambienteI trend del mercato del lavoro 2021 emersi dall’indagine di InfoJobs

I trend del mercato del lavoro 2021 emersi dall'indagine di InfoJobs

L'indagine di InfoJobs mostra i dati sulle assunzioni in un anno difficile come il 2020, con le previsioni delle aziende per il 2021, e illustra i trend del mercato del lavoro 2021.

Trend del mercato del lavoro 2021: quali sono?

Quali sono i trend relativi al mercato del lavoro per il 2021? La risposta nell’indagine di InfoJobs svolta a gennaio 2021 su un campione rappresentativo di 144 aziende italiane.

I dati 2020/2021 sulle assunzioni

Dal comunicato stampa rilasciato da InfoJobs – piattaforma per la ricerca del lavoro online – il 16 febbraio 2021 è possibile trarre importanti informazioni su quelli che saranno i trend del mercato del lavoro 2021. A tal proposito Filippo Saini, head of job di InfoJobs, ha dichiarato: «ci aspettiamo un inizio d’anno atipico dal punto di vista del lavoro, dovuto all’incertezza ancora persistente degli effetti della pandemia e degli sviluppi legislativi».

Tuttavia, facendo un passo indietro alla fine del 2020, è lecito chiedersi: come si sono comportate le aziende in merito alle assunzioni? È importante sottolineare che all’inizio del 2020 il 74,3% delle aziende aveva reso pubblica la volontà di ampliare il numero delle proprie risorse. Il contesto del lavoro, a causa della pandemia, è però certamente cambiato, anche se a giudicare dall’indagine in questione alcuni dati non sono eccessivamente negativi, anche se probabilmente non in linea con le rosee prospettive iniziali. Alla fine del 2020 il 12,5% delle imprese si è trovato costretto al licenziamento di alcune risorse e il 25,7% non ha ampliato il proprio organico; il 36% ha però assunto nuovo personale – seppur in numero ridotto rispetto alle proprie aspettative – e il 25,8% ha assunto più lavoratori di quelli previsti.

Per quanto concerne le proiezioni per il 2021, invece, in che modo si muoveranno le aziende, sia quelle che hanno dichiarato di essere propense alle nuove assunzioni sia quelle contrarie?

I dati rilevati da InfoJobs – in merito alle future assunzioni aziendali – appaiono comunque in parte condizionati dall’attuale emergenza sanitaria: il 25,7% delle aziende intervistate ha affermato di essere propenso a un consistente rafforzamento del personale, mentre solo il 5,6% ha reso noto l’intento di valutare una diminuzione del personale. Inoltre, la ricerca ha reso disponibili altri dati: il 47% ha dichiarato di voler incrementare in modo esiguo il proprio organico e il 12,5% non prevede vere e proprie assunzioni ma solo sostituzioni del personale uscente con quello entrante. Non va trascurato il 9,7% che ha dichiarato apertamente di essere restio alle assunzioni.

Il 37,2% delle aziende ha asserito che, dovendo ampliare il proprio organico, è di primaria importanza tenere conto della qualità delle risorse umane; il 31% delle aziende, invece, non cambierà il modus operandi per la scelta dei candidati. Inoltre il 16,8% delle imprese risulta propenso ad assegnare ruoli flessibili e solo il 5,3% delle attività ha dichiarato di essere in cerca di nuovi professionisti per fronteggiare il nuovo mercato del lavoro. Le aziende che hanno deciso di non investire in nuove risorse umane hanno ipotizzato, per il 2021, di dare maggior risalto alla formazione, alla gratificazione e all’eventuale riqualifica dei lavoratori già inseriti nell’organico (74,4% delle aziende). Il 18,8% ha visto, inoltre, nell’uso della cassa integrazione un modo per non ridurre il numero dei lavoratori del team.

Trend del marcato del lavoro 2021

I trend del mercato del lavoro 2021, emersi dai dati di InfoJobs, sono: «data driven hr», che evidenziano l’importanza della tecnologia e della digitalizzazione; «upskilling e reskilling», in riferimento alla formazione costante; «organigramma liquido», basato sul raggiungimento degli obiettivi prefissati a discapito di ore di presenza; «purpose driven hr», ossia la rilevanza della cultura d’impresa; «employer branding», che pone l’accento sull’azienda vista come team unito.

Riguardo al primo trend è importante sottolineare che la tecnologia e la digitalizzazione si configurano, in quest’ottica, come strumenti indispensabili anche per questo contesto. Nel 2020 le tecnologie al servizio dei lavoratori si sono rivelate un plus per l’azienda grazie ai diversi vantaggi offerti: tra tutte spicca l’ottimizzazione dei tempi di lavoro (sia da remoto che in loco) per i dipendenti.

Inoltre, la formazione costante – come si è già detto uno dei nuovi trend del mercato del lavoro del 2021 – acquisisce sempre più importanza per i dipendenti aziendali che, grazie a essa, possono ampliare le proprie competenze professionali.

Per quello che riguarda il terzo dei trend del mercato del lavoro 2021 è possibile fare una riflessione più generale: in un anno che ha avuto come protagonista lo smart working , la presenza fisica in loco e il «cartellino» perdono la loro importanza a vantaggio dei risultati concreti ottenuti dai lavoratori in un dato periodo di tempo.

Infine, i trend del mercato del lavoro 2021 mettono in luce l’importanza della cultura d’impresa, di un team unito all’interno dell’azienda e della percezione – da parte dei lavoratori – di far parte di questo.

In conclusione, i trend evidenziati possono essere riassunti dalla parole di Filippo Saini: «in questo scenario mutevole, rileviamo dalle aziende un solido atteggiamento di determinazione e propensione alla continuità del business, che premierà ancora e sempre più la tecnologia, quale partner irrinunciabile del lavoro, e la formazione, sulla quale molti sono disposti a investire in modo incrementale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI