Giornale di marketing,
comunicazione e cultura digitale
Resta aggiornato:
Inside Marketing
CampagneNike rende omaggio a Ronaldo con un campetto a Madeira e un nuovo modello di scarpe

Nike rende omaggio a Ronaldo con un campetto a Madeira e un nuovo modello di scarpe

L'iniziativa punta non solo a celebrare il nuovo record di CR7, ma anche a spingere i più giovani a inseguire i propri sogni, a fissare dei chiari obiettivi e a lavorare per raggiungerli, prendendo spunto proprio da Ronaldo.

Immagine di Cristiano Ronaldo

«La grandezza inizia con un obiettivo» o volendo con un gol: non a caso si tratta di due termini che in inglese possono essere tradotti con la parola “goal”. «Greatness starts with a goal» è quindi il gioco di parole pensato dall’azienda di abbigliamento e calzature sportive per la presentazione del campetto di calcio appena ristrutturato a Funchal, nell’Isola di Madeira (Portogallo), dov’è nato e cresciuto Cristiano Ronaldo. L’idea è celebrare il recente record del calciatore, che con la maglia della sua nazionale, ha segnato contro l’Irlanda in un match di qualificazione ai Mondiali, raggiungendo quota 111 gol in nazionale e superando così il precedente record di 109 stabilito dall’iraniano Ali Daei. Così Nike omaggia Ronaldo, ma l’iniziativa vuole anche incoraggiare i più giovani a seguire i propri sogni, a definire degli obiettivi chiari e a ricercare la grandezza.

Nike omaggia Ronaldo e punta a ispirare i calciatori del futuro

Quello appena citato è solo uno dei tanti obiettivi prefissati e raggiunti dall’ex calciatore della Juventus, ora nuovamente al Manchester United, noto proprio per il suo voler sognare in grande, ma al contempo per lo spirito di sacrificio e l’autocontrollo nel raggiungere tali obiettivi. Molto prima di essere stato eletto “miglior calciatore del secolo” nel 2020[1], nel 2014 aveva dichiarato: «la mia sfida quotidiana è solo con me stesso. Il mio obiettivo è diventare il miglior giocatore della storia del calcio».

Proprio da questo tipo di mindset prende spunto l’iniziativa di Nike, che ha deciso di ristrutturare un campetto di calcio a Funchal per spingere i giovani a seguire l’ambizione e la perseveranza di Ronaldo. Come si legge nel comunicato Nike dedicato al campo allestito in onore del calciatore: «È stata l’ambizione di Ronaldo nel definire degli obiettivi chiari che lo ha reso diverso dai suoi colleghi; ora lui incoraggia la prossima generazione di calciatori a guardare a questo campo ristrutturato come a una dimostrazione che la definizione di obiettivi, non il talento soltanto, sono alla base del suo successo».

Sui pali delle porte del campetto sono presenti diversi disegni, creati dall’artista portoghese AkaCorleone, che in ordine cronologico riprendono diversi momenti della carriera del calciatore.

Disegni che richiamano momenti importanti della carriera di Ronaldo. Così Nike omaggia Ronaldo

Fonte: Nike

Sui propri account Instagram, Nike e CR7 hanno pubblicato un video promozionale, in cui vengono mostrate diverse immagini di bambini che giocano a calcio nell’isola di Madeira, accompagnate dalle dichiarazioni di calciatori, ex calciatori e altre personalità legate al mondo del calcio (per esempio Bruno Fernandes, Mateo Kovačić e Rio Ferdinand) che parlano di Cristiano Ronaldo e del suo essere estremamente determinato.

Nel post il calciatore dichiara che è fondamentale stabilire degli obiettivi, indipendentemente da ciò che si vuole raggiungere nella vita: «anche se si tratta di piccoli obiettivi, questi ti danno un maggiore focus e un senso di realizzazione quando li raggiungi».

Campetto da calcio a Quinta Falcão Community Center. Così Nike omaggio Ronaldo

Fonte: Nike

CR110: la scarpa Nike che celebra un nuovo obiettivo raggiunto dal calciatore

Per celebrare il traguardo dei 110 gol di è stato creato un nuovo modello di scarpa da calcio, CR110. Inoltre, proprio perché l’iniziativa punta a incoraggiare i giovani talenti, Nike ha deciso di offrirne un paio a 110 giovani promesse, provenienti dai paesi in cui Ronaldo ha giocato: Portogallo, Inghilterra, Spagna e Italia.

Scarpe Nike Mercurial CR7 111. Così Nike omaggio Ronaldo

Fonte: Nike

Stando ad alcuni documenti diventati pubblici nell’ambito del caso Football Leaks, Ronaldo avrebbe firmato con Nike un contratto di sponsorizzazione del valore di 162 milioni e per questo dovrebbe essere legato all’azienda fino al 2026 [2]. La collaborazione tra il brand sportivo e CR7 dura ormai di diverso tempo e non è la prima volta che Nike omaggia Ronaldo: nel 2020 l’azienda ha ideato e lanciato le scarpe Mercurial: Superfly CR7 100 per celebrare i 100 goal con la maglia della nazionale portoghese[3].

Sia il campetto, con al centro la scritta CR7, sia il nuovo modello di scarpe sembrano sottolineare lo stesso messaggio: per diventare “grandi” bisogna fisare dei chiari obiettivi e poi, ovviamente, scendere in campo e lavorare sodo per raggiungerli.

L’importanza della maglia numero 7 e la «grandezza» del brand CR7

Il comunicato di lancio dell’iniziativa di Nike è stato pubblicato il 2 settembre 2021, proprio il giorno in cui il Manchester United – squadra in cui il calciatore si è appena trasferito – ha annunciato che Cristiano Ronaldo avrebbe mantenuto lo storico numero 7 sulla maglia dei Red Devils [4].

Tale annuncio ha suscitato non poche polemiche negli ultimi giorni. La maglia numero 7 al Manchester United era infatti già indossata da Edinson Cavani e il cambio numero sembrava essere impossibile perché le regole della Premier League non consentono una sostituzione a stagione iniziata, salvo in caso di cessione di Cavani a un altro club[5]. Il “problema” è però stato risolto in pochi giorni: per la prima volta nella storia della competizione è stata concessa una deroga dalla Football Association ed è stato necessario ricevere il consenso di Cavani. Questi due fattori hanno consentito a Cristiano di tenere il numero desiderato.

Se a molti la notevole insistenza per un cambio di numero di maglia può sembrare esagerata, per Ronaldo, al di là delle eventuali motivazioni personali e affettive che lo spingano a voler mantenere il numero 7, la ragione era molto più pratica e aveva a che fare con il consolidamento di un brand accuratamente costruito e curato nel corso della carriera calcistica. Il valore della marca CR7 secondo le stime relative al 2018 ammonterebbe addirittura a 280 milioni di dollari.

Posta così, dal punto di vista del business (e chiaramente del marketing), l’insistenza potrebbe sembrare più ragionevole. In ogni caso, come ha ammesso il Manchester United in un post pubblicato sull’account Instagram, per Cristiano Ronaldo «doveva essere per forza 7» e così è stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA È vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Resta aggiornato! Ricevi gratuitamente le ultime news e le offerte esclusive per corsi, eventi e libri in ambito marketing e comunicazione.

ISCRIVITI ai nostri canali:

© Inside Marketing 2013 - 2021 è un marchio registrato ® P.iva 09229251211
loading
MOSTRA ALTRI