Sabato 17 Novembre 2018
MarketingIl ruolo di Facebook Ads nell’intercettazione della domanda latente

Il ruolo di Facebook Ads nell’intercettazione della domanda latente

Campagne di web marketing con Facebook Ads: la profilazione del target e l'intercettazione la domanda latente.


Angela Rita Laganà
A cura di: Angela Rita Laganà Autore Inside Marketing
Il ruolo di Facebook Ads nell’intercettazione della domanda latente Fonte: Depositphotos

Nel valutare la profilazione di una campagna su Facebook Ads è necessario tener conto di quale sia il pubblico che si intende intercettare, cosa cerchi e come sia possibile scoprirlo.

Introducendo i concetti di domanda latente e di domanda consapevole durante il suo intervento a Smau Milano 2015, Alessandro Sportelli ha ripercorso le tappe che portano il consumatore dalla scoperta del prodotto/servizio alla sua vendita e illustrato come profilare il target delle proprie inserzioni. Si parla di domanda latente quando il consumatore avverte un forte bisogno ma questo non può essere soddisfatto dai prodotti esistenti. Interessato a una precisa nicchia di mercato, resta informato sull’argomento e probabilmente potrebbe essere un ottimo pubblico target per creare nuovi lead. Quando invece si fa riferimento al concetto domanda consapevole si parla di un utente che è già a conoscenza di ciò di cui ha bisogno. La domanda consapevole nasce da una ridefinizione della domanda latente e viene principalmente intercettata attraverso i motori di ricerca.

Cosa significa, allora, intercettare la domanda latente e come può aiutarci Facebook Ads a stimolarla? Intercettare e stimolare la domanda latente significa trasformare un interesse generico in un interesse specifico e, di conseguenza, in possibile conversione. «La capacità di profilare il target per informazioni specifiche – sostiene Alessandro Sportelli nel suo libro “La pubblicità su Facebook. Solo i numeri che contano” edito da Hoepli – dipende soprattutto da cosa la gente comunica di sé». Facebook è uno dei luoghi ideali per intercettare la domanda latente grazie agli strumenti di profilazione e al conveniente rapporto fra le possibilità di ricavo e le forze investite nell’intercettazione della stessa. Il principale vantaggio del sistema di inserzioni a pagamento di Facebook è anche ciò che lo rende unico e sarebbe la possibilità di utilizzare il grafo sociale al fine di profilare gli utenti. Tutte le azioni che vengono eseguite all’interno del social network producono delle connessioni e queste connessioni diventando informazioni preziose che raccontano qualcosa dell’utente.

Come si profila il target in Facebook Ads?

Nella comprensione delle strategie fondamentali di web marketing su Facebook un ruolo fondamentale è ricoperto dall’analisi della domanda online del proprio mercato di riferimento. «La forza della pubblicità su Facebook si basa su quello che viene chiamato grafo sociale ed è l’insieme delle informazioni che Facebook acquisisce dai propri utenti. Più gli utenti comunicano informazioni relative al proprio stato, al proprio modo di essere, alle proprie passioni – ha dichiarato Sportelli ai nostri microfoni – più sarà facile per le aziende intercettare le persone proprio in funzione dei dati che hanno rivelato».

Il primo passo da fare per profilare il target delle proprie inserzioni è comprendere quale pubblico intercettare. A tal fine è necessario prendere in considerazione quattro fasi che compongono il processo.

Definizione della posizione geografica

La posizione geografica è definita da Facebook in base all’indirizzo IP che le persone utilizzano per connettersi a Internet. Per questo motivo la profilazione per posizione geografica non è precisa al 100%, ma è interessante osservare come i luoghi si possano includere ed escludere dalle proprie inserzioni.

Profilazione dettagliata per dati demografici, interessi e comportamenti

Per ottenere il massimo dalle campagne su Facebook Ads è necessario profilare il target utilizzando quante più opzioni possibili. La scelta è spesso condizionata dal tipo di settore e dal mercato in cui si opera e attraverso la targettizzazione dettagliata è possibile affinare la profilazione attraverso una chiave di ricerca specifica. Nella categoria dati demografici si possono trovare le voci relazione, istruzione, lavoro e avvenimenti importanti. La categoria interessi permette di indirizzare l’inserzione agli utenti fan di determinate pagine, ai fan dei propri concorrenti, agli iscritti ad associazioni di categoria ed è utile nel caso in cui ci siano film, riviste, serie TV correlate ai prodotti o ai servizi offerti. La targettizzazione dettagliata per comportamenti permette di raggiungere le persone in base alle abitudini e alle intenzioni di acquisto e in Italia è possibile profilare in base ad attività digitali, utente di dispositivo mobile e viaggi.

Intercettazione della domanda latente

Se si desidera intercettare la domanda latente, Facebook offre la possibilità di profilare il target per dati demografici, comportamenti, interessi e connessioni. In alternativa si può optare per la creazione di una lookalike audience, un pubblico che Facebook Ads individua ritenendolo simile a quello sottoposto come fonte. Questa seconda opzione è molto utile nel caso in cui si decida di sponsorizzare i propri prodotti o servizi in un paese diverso da quello di origine, perché pur non conoscendo il mercato si possono intercettare persone con caratteristiche simili ai propri clienti.

Libri sul tema
La pubblicità su Facebook. Solo i numeri che contano La pubblicità su Facebook. Solo i numeri che contano

Una guida completa e pratica per intercettare i clienti e ottenere benefici attraverso la pubblicità su Facebook.

LEGGI

Intercettazione del pubblico personalizzato

Se invece si desidera comunicare con chi già conosce il brand si può decidere di creare un pubblico personalizzato o utilizzare il campo connessioni, mostrando l’inserzione a chi ha lasciato il proprio indirizzo email, a chi utilizza l’applicazione mobile del proprio brand o a chi visita il sito web. Scegliere di utilizzare una custom audience significa fare retargeting andando a intercettare i consumatori sulla base di azioni svolte in precedenza. Fra i principali utilizzi vi è quello di upselling di prodotto per gli utenti che hanno fatto acquisti in precedenza o per notificare sconti o cambiamenti di prezzo a coloro che hanno inserito un prodotto nel carrello, ma che ancora non hanno acquistato.

Facebook Ads

© RIPRODUZIONE RISERVATA E' vietata la ripubblicazione integrale dei contenuti

Articoli sull'argomento

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.